Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Una nuova ricerca evidenzia somiglianze biologiche tra disturbi psichiatrici e neurodegenerativi

Il progetto PRISM dell’Iniziativa in materia di medicinali innovativi (IMI) propone un cambio di paradigma per sviluppare trattamenti più adeguati ed efficaci per i disturbi neuropsichiatrici. Il progetto si allontana dagli attuali metodi di classificazione per concentrarsi sulla neurobiologia sottostante dei pazienti.

Salute

I pazienti affetti da schizofrenia, depressione maggiore o morbo di Alzheimer hanno più in comune rispetto alla natura neuropsichiatrica della loro condizione. In primo luogo, nonostante 50 anni di ricerca e scoperta di farmaci, il trattamento per ciascuno di questi tre disturbi comporta ancora l’uso di oltre 100 composti in concentrazioni scelte empiricamente. Nella maggior parte dei casi, ciò si traduce in scarsa efficacia ed è all’origine di problemi di tollerabilità. Il secondo punto di convergenza è, a differenza del primo, una fonte di speranza. Si tratta della recente comprensione dal campo della ricerca eziologica che esiste più di una sovrapposizione tra disturbi psichiatrici e neurodegenerativi di quanto si pensasse in precedenza. Questo, insieme alla decelerazione dell’innovazione del trattamento negli ultimi decenni, richiede un cambio di paradigma nel processo di scoperta di farmaci che si allontani da una classificazione dei disturbi, la quale per lo più trascura la neurobiologia che dà origine ai sintomi. Quantificare le malattie neuropsichiatriche PRISM (Psychiatric Ratings using Intermediate Stratified Markers) è all’avanguardia in questo senso. Sviluppando un approccio biologico quantitativo alla comprensione e alla classificazione delle malattie neuropsichiatriche, il progetto mira a creare una nuova struttura in grado di aiutare i medici a informare meglio i propri pazienti in merito alla complessità e alla gestione ottimale della loro malattia. Ma soprattutto, ha il potenziale per accelerare la scoperta e lo sviluppo di trattamenti migliori. «La principale difficoltà nella costruzione di tali diagnosi biologicamente valide è la mancanza di biomarcatori obiettivi», afferma il dott. Martien Kas, docente di neuroscienza comportamentale presso l’Università di Groningen e co-coordinatore del progetto PRISM. «Inoltre, la disconnessione tra diagnosi ed eziologia sottostante ha anche creato difficoltà nella ricerca eziologica. Senza chiare ipotesi meccanicistiche, la generazione di modelli di malattia appropriati e lo sviluppo di trattamenti mirati sono resi molto difficili». PRISM ha raccolto grandi serie di dati fenotipici per meglio comprendere le relazioni fisiopatologiche inerenti sottogruppi di pazienti biologicamente significativi. Il consorzio ha condotto in particolare un’analisi di clustering preliminare dei profili comportamentali, utilizzando dati di app per smartphone raccolti passivamente. Questi ultimi hanno rivelato tre distinti profili sociali, ma sorprendentemente, ciascuno di questi profili includeva controlli sani e pazienti con schizofrenia e morbo di Alzheimer. Era evidente una certa sovrapposizione tra i gruppi di pazienti. «Questi nuovi cluster chiaramente non corrispondono alla categorizzazione dei pazienti basata sulla diagnostica. Gli studi in corso stanno ora aggiungendo ulteriori dettagli (es. neuroimaging) da altri componenti dello studio. Questa struttura quantitativa emergente offrirà nuovi modi per classificare le persone e offrirà anche approfondimenti sui meccanismi biologici alla base di questi profili», afferma il dott. Marston, secondo co-coordinatore del progetto PRISM per conto di Eli Lilly and Company. Passi successivi per PRISM Il consorzio PRISM continuerà ad analizzare i propri set di dati nei prossimi mesi, oltre a raccogliere nuovi dati tenendo conto di due attività di ricerca future: replicazione dei risultati clinici iniziali su nuove coorti di pazienti e indagine dei meccanismi neurobiologici alla base di questi cluster di pazienti. I dott. Kas e Marston sono fiduciosi che il nuovo approccio di PRISM contribuirà all’accelerazione del nuovo sviluppo del trattamento, con maggiore efficacia e nuovi meccanismi con assegnazione più accurata al paziente ottimale. «Miriamo a favorire soluzioni migliorate alle crescenti sfide di salute pubblica della psichiatria e della neurologia», concludono.


Parole chiave

PRISM, neurodegenerativo, morbo di Alzheimer, depressione maggiore, schizofrenia, eziologia, neurobiologia, neuropsichiatria, biomarcatori

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione