Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Previsioni nel campo dell'energia eolica

Le fonti di energia rinnovabile sono una vera e propria manna per l'industria energetica. Se adeguatamente dislocate e utilizzate, infatti, queste fonti possono essere impiegate in maniera molto efficace, accanto alle piattaforme energetiche più tradizionali. Il problema principale posto da queste fonti rinnovabili, tuttavia, è legato alla loro natura incostante e imprevedibile. Mantenendo costante l'apporto di energia, aumenterebbe notevolmente il rendimento del consumo elettrico. Purtroppo, spesso né le condizioni meteorologia, né la topografia sono risultano favorevoli.

Energia

Le centrali eoliche, costituite da slanciati aeromotori impiantati a centinaia di metri di profondità le cui enormi pale ruotano indolenti mosse dal vento, costituiscono l'elemento maggiormente visibile dei complessi sistemi di gestione elettrica. Per ottimizzare lo sfruttamento dell'elettricità che producono, le centrali eoliche allacciate alla rete di erogazione elettrica necessitano, accanto al contributo delle condizioni meteorologiche, di accurati principi di gestione. Nell'ambito del programma JOULE2, finanziato dalla CE, è stata messa a punto una tecnica di previsione dei modelli meteorologici al fine di prevedere il fabbisogno di energia eolica. Le tecniche e i metodi sviluppati consentono di prevedere le condizioni meteorologiche prevalenti, sia a livello locale che regionale, nell'arco di 32 ore. L'obiettivo è quello di consentire un risparmio economico e di combustibili fossili nelle centrali elettriche tradizionali. Se, per esempio, si prevedesse un aumento della produzione di energia eolica nell'arco delle successive 24 ore, sarebbe possibile ridurre la quantità di combustibile fossile utilizzato per alimentare i bruciatori senza la minima perdita nell'erogazione di elettricità all'utente finale. Questi metodi di previsione sono stati doppiamente convalidati nel contesto di dati regionali basati su informazioni ottenute mediante il sistema WasP e sull'analisi statistica imperniata sui dati meteorologici storici. Nonostante la facilità d'uso, WAsP è un programma potente in grado di effettuare previsioni in materia di produzione di energia eolica, nonché di stabilire anticipatamente i siti più adatti all'installazione delle centrali eoliche in base a diversi criteri, fra cui l'interpolatore per l'atlante dei venti, una carta tridimensionale di influenza del terreno e il modello "Roughness change model" che tiene conto delle caratteristiche del terreno, fra cui le condizioni di ruvidità della superficie. Attualmente è in atto il collaudo del sistema con due diversi tipi di vento: nei paesi dell'Europa settentrionale, in condizioni di forte vento e in alcune zone del Mediterraneo in presenza di vento debole. Poiché le previsioni si sono rivelate altamente accurate - consentendo perfino la previsione di forti tempeste - si spera che i dati raccolti potranno contribuire a rafforzare la competitività dell'industria europea di produzione dell'energia eolica sulla scena mondiale.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione