Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Migliorare l'efficienza globale della rete ferroviaria europea

Nel quadro del programma Brite-Euram, la Commissione europea ha varato e sostenuto finanziariamente un progetto di ricerca, mirato a descrivere e modellare l'interazione tra i treni ad alta velocità e/o i convogli merci e le rotaie sottostanti. Accertare i parametri ottimali di progettazione e manutenzione delle rotaie comporterà una riduzione dei costi di costruzione e manutenzione, migliorando altresì il comfort e la sicurezza.

Tecnologie industriali

Il ballast, un materiale granulare composto principalmente di pietre, è utilizzato per comporre la fondazione su cui poggiano le rotaie ferroviarie; costituisce l'indispensabile interfaccia per distribuire i carichi ed ancorarvi i binari. Anche se la posa di rotaie su ballast rappresenta la tecnica più diffusa e conveniente, sono possibili seri problemi dovuti al degrado, specialmente se le rotaie sono sottoposte al passaggio di treni ad alta velocità o convogli merci. Il progetto Eurobalt si è posto l'obiettivo di definire, modellare e comprendere quali parametri dell'interazione tra il treno e le rotaie costituiscano le cause principali del degrado prematuro. I partner del progetto, che comprendono amministrazioni di ferrovie europee, università ed industrie del settore ferroviario, hanno impostato la propria ricerca sulla profonda supposizione di base che il deterioramento della geometria delle rotaie sia causato dall'assestamento del ballast. Ne deriva il concetto che la rigidezza delle rotaie svolga un ruolo cruciale e che sia di notevole importanza comprendere meglio questo parametro. È quindi stata sviluppata una motrice per prove di carico delle rotaie (Track loading vehicle), che si è rivelata un prototipo prezioso, dotato della capacità di misurare la rigidezza delle rotaie durante il tragitto sulle stesse. I risultati sperimentali hanno dimostrato una forte correlazione tra il profilo di rigidezza delle rotaie e la qualità della geometria delle stesse, confermando al di là di ogni dubbio l'esistenza di un rapporto tra questi due aspetti. Sulla base dei risultati sperimentali sono successivamente stati proposti modelli parametrati avanzati, allo scopo di ottimizzare la progettazione e la manutenzione delle rotaie. È stato proposto inoltre un insieme di specifiche conclusive che in futuro faciliterà la costruzione di rotaie. Anche se resta aperto il problema dei binari esistenti, il progetto Eurobalt ha conseguito progressi notevoli nella comprensione del comportamento delle rotaie su ballast, così che ora sono disponibili criteri obiettivi per decidere come costruire i nuovi binari ferroviari. Inoltre l'accertamento di un rapporto tra vari parametri del veicolo e delle rotaie e le esigenze di manutenzione a lungo termine contribuirà certamente a ridurre gli attuali costi.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione