Skip to main content

Sustainable development reflexive inputs to world organisation

Article Category

Article available in the folowing languages:

Ottenere uno sviluppo sostenibile

Il Summit della Terra dell'ONU che si è tenuto a Rio nel 1992 non ha raggiunto il suo potenziale. Un progetto dell'UE si è proposto di scoprire il perché.

Tecnologie industriali

Il Summit della Terra di Rio de Janeiro del 1992 è stato un importantissimo incontro dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), riguardante essenzialmente la questione dello sviluppo sostenibile. Anche se il Summit ha avuto come risultato diversi trattati, questi non erano vincolanti. La visione comune è che il Summit non ha raggiunto il suo potenziale. È nell'ambito di questo paradigma che è stato fondato il progetto SUSTAINABLERIO ("Sustainable development reflexive inputs to world organisation"), finanziato dall'UE. Questo progetto triennale che si è concluso nel 2012 era formato da quattro organizzazioni di ricerca dell'UE. Lo scopo del progetto era studiare due questioni principali - in primo luogo le difficoltà di tradurre lo sviluppo sostenibile in politiche solide nel contesto delle globalizzazione e poi le ragioni per le quali i responsabili delle decisioni non sempre guidano le economie nazionali verso una vera sostenibilità. SUSTAINABLERIO ha studiato la questione a vari livelli, nazionale, dell'UE e globale. Oltre a ribadire che il concetto di sviluppo sostenibile è fondamentalmente imperfetto, la risposta sta anche nel conflitto internazionale sulle priorità per il futuro e il grado di apertura al cambiamento. SUSTAINABLERIO ha elencato cinque distinti risultati del progetto. I conflitti internazionali saranno gestiti o dall'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) o dall'Organo di risoluzione delle controversie, entrambi indesiderabili, a meno che non si trova un meccanismo migliore. Una soluzione di amministrazione efficace permetterebbe ai paesi di sperimentare e imparare gli uni dagli altri. Il progetto ha sviluppato una serie di criteri che facilitano l'integrazione delle politiche sul clima a livello dell'UE. I membri del team hanno anche preso in considerazione l'orchestrazione dei cambiamenti climatici, che significa sostenere le normative private attraverso gli stati e le organizzazioni intergovernative. Infine il progetto raccomanda di integrare obiettivi di sviluppo con obiettivi di sostenibilità, concentrandosi sulla fusione di provvedimenti basati sulle persone con soluzioni più allargate nelle quali i singoli hanno un impatto ridotto. Tra gli altri risultati del progetto ci sono la divulgazione delle sue attività attraverso articoli presentati a riviste con revisione paritaria, presentazioni in occasione di conferenze, interviste con i media e divulgazione di articoli attraverso la rete IDDRI. Il lavoro del progetto potrebbe portare alla risoluzione dei conflitti e aiutare il mondo a raggiungere una vera sostenibilità.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione