Skip to main content

IMPACT OF AGENTS WITH POTENTIAL USE IN FUNCTIONAL FOODS ON BIOMARKERS FOR INDUCTION OF AGE RELATED DISEASES

Article Category

Article available in the folowing languages:

I vantaggi per la salute degli ingredienti bioattivi

Almeno il 25 % delle forme di cancro registrate nel mondo occidentale possono essere correlate alle abitudini alimentari. Un arricchimento dei costituenti presenti nel cibo e che evidenziano attività protettive potrebbe migliorare la dieta e salvare vite.

Salute

Il cancro, le malattie cardiovascolari e il diabete rappresentano le cause di morbilità e mortalità più rilevanti nella popolazione generale. Il progetto FUNCFOOD si proponeva di aggiungere ingredienti bioattivi per migliorare i nostri regimi dietetici e la nostra salute. Perché le malattie legate all'età si sviluppino, occorrono decenni, per cui gli effetti potenzialmente positivi di agenti protettivi putativi è stato monitorato tramite biomarcatori molecolari e citogenetici. Inizialmente, sono stati effettuati studi su celle in coltura e in modelli di roditori, che hanno affrontato l'induzione di lesioni del DNA, tumori e biomarcatori per lo sviluppo di diabete, retinopatia diabetica e aterosclerosi. I test definitivi dell'efficacia protettiva di agenti selezionati nei sistemi sperimentali saranno svolti in studi di intervento negli esseri umani. I ricercatori hanno svolto esperimenti con sistemi cellulari utilizzando vari integratori dietetici. Tra di essi, la carnosina e il coenzima Q (CoQ) hanno migliorato le risposte metaboliche patologiche operanti in presenza di alto tasso di glucosio e ipossia. Utilizzando sistemi di modelli animali diabetici, i ricercatori hanno scoperto che l'attività di carnosinasi veniva enormemente intensificata nei reni, modificando varie funzioni base. Il trattamento con la carnosina ha ampiamento evitato le alterazioni patologiche. Nel diabete, la guarigione delle ferite è difficile, ma sotto trattamento con carnosina, il processo di guarigione di ferite nel modello murino è risultato notevolmente migliore. Un trattamento prolungato dei topi con CoQ ha determinato miglioramenti nelle disfunzioni neuronali, indicando una concreta possibilità di trattamento per questa grave complicazione nei pazienti diabetici. È stato analizzato un ampio numero di parametri nei pazienti con diabete di tipo 1 e 2 cui è stato somministrato l'integratore CoQ. L'analisi ematica ha rilevato una normalizzazione di vari marcatori di malattia. I ricercatori hanno osservato l'attivazione di cellule NK e una minore produzione di citochine citotossiche. È noto che lo stress ossidativo rappresenta un fattore molto importante nelle sviluppo dei diabete e di complicazioni diabetiche. Dopo 12 settimane di trattamento con CoQ, l'attività della glutaredossina risultava molto minore, evidenziando un miglioramento della difesa antiossidante. Tali risultati suggeriscono che sui pazienti diabetici potrebbe essere necessario un trattamento di maggiore durata con CoQ, per ottenere un miglioramento significativo. Le attività del progetto hanno già portato a 18 pubblicazioni. Gli esiti di FUNCFOOD prospettano la promessa di sostanze bioattive utili a proteggere dal diabete e altre malattie cardiovascolari associate nell'uomo.

Parole chiave

Bioattivo, dieta, cancro, malattia cardiovascolare, diabete, carnosina, coenzima Q, stress ossidativo

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione