Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Comprendere l'affollamento visivo

La visione degli oggetti che si trovano in zona periferica è più difficile della visione diretta. Uno studio finanziato dall'UE ha analizzato l'affollamento visivo, il fenomeno responsabile di questo problema.

Salute

Il termine di affollamento visivo indica il modo in cui il cervello percepisce gli oggetti periferici e si verifica quando gli oggetti della vista dominante rendono quelli periferici confusi, sfocati e irriconoscibili. La differenza dell'affollamento visivo consiste nel fatto che, generalmente, le persone possono individuare la posizione degli oggetti, ma non riescono a distinguere le posizioni delle loro varie componenti, con un fenomeno chiamato "paradosso di posizione". Il progetto VISUALCROWDING ("Visual crowding: The paradox of position") ha condotto esperimenti per comprendere meglio questo paradosso e il problema dell'affollamento visivo. Nella prima parte dello studio, il team ha scoperto che l'affollamento visivo si verifica molto più frequentemente quando le posizioni degli oggetti non sono note, a conferma dell'idea che l'incertezza dell'ubicazione dell'oggetto e delle sue componenti porta al verificarsi del fenomeno. L'analisi ha inoltre esaminato che cosa accadrebbe se una delle caratteristiche diventasse definita nel campo periferico, scoprendo che il fatto di conoscere la posizione e le caratteristiche di un solo oggetto evita completamente l'affollamento. I ricercatori hanno quindi approfondito i meccanismi neurali che sono alla base del fenomeno. Utilizzando studi di risonanza magnetica funzionale del cervello, hanno scoperto che l'affollamento incide sulle primissime fasi dell'elaborazione cerebrale, con un effetto che aumenta man mano che si sale nella gerarchia corticale. Un risultato che indica come l'affollamento determini effetti molto estesi in tutto il sistema visivo. I risultati ottenuti hanno fornito nuove informazioni sull'affollamento visivo, un fenomeno che può essere considerato come una forma di incertezza di posizione di più alto livello nell'ambito del sistema visivo, comunque fortemente dipendente dalle fasi precoci dell'elaborazione. Questi dati potranno essere molto utili per orientare le ricerche future in questo settore, in particolare nel trattamento diretto dell'ambliopia strabica ("occhio pigro") e della dislessia, in cui l'affollamento è elevato e interferisce con la percezione.

Parole chiave

Affollamento visivo, periferia, paradosso di posizione, ubicazione, ubicazione delle caratteristiche, campo periferico, meccanismi neurali, sistema visivo, incertezza della posizione, ambliopia strabica, dislessia, percezione

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione