Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Tendenze scientifiche: Scienziati concludono viaggio con barca a energia solare per trovare il più antico villaggio d'Europa

Una missione archeologica in Grecia ha trovato tracce di quello che potrebbe essere il sito dove vissero i primi europei. La missione si è svolta sulla PlanetSolar, la barca solare più grande al mondo.

Fin da quando gli uomini costruirono la prima barca, l'esplorazione in alto mare è stata uno dei modi più fruttuosi di scoprire più cose sul mondo in cui viviamo. E tutto questo non si è fermato con la cosiddetta Età delle esplorazioni. Al giorno d'oggi, gli scienziati viaggiano per tutto il mondo per studiare ecosistemi, monitorare il cambiamento climatico, scoprire nuove specie o compiere delle scoperte archeologiche rivoluzionarie. Tuttavia, si è detto che questo tipo di ricerca può contribuire a danneggiare l'ambiente. Ed è qui che è entrata in scena la spedizione TerraSubmersa. Lanciata il giorno 11 agosto e completata ieri, la missione, organizzata in modo congiunto dalla scuola svizzera di archeologia e dal ministero della cultura greco, mirava a scoprire quello che potrebbe essere il villaggio più antico in Grecia ed Europa. Il team stava cercando un sito preistorico che sarebbe stato sommerso dalle acque del golfo Argolico, vicino alla grotta di Franchthi. Questa regione è famosa per aver accolto i primi europei tra il periodo paleolitico e quello neolitico. "Questa grotta è stata abitata in modo continuo per circa 35.000 anni... e noi abbiamo motivo di credere che verso la fine del Neolitico, gli abitanti si trasferirono in un sito vicino che si trova adesso sott'acqua," ha detto all'AFP Julien Beck dell'Università di Ginevra. Ma la sua ambiziosa missione archeologica non è la sola cosa che rende la missione di TerraSubmersa così speciale. Per portare a termine la loro missione, gli scienziati si sono imbarcati su PlanetSolar, un catamarano che è anche la barca solare più grande al mondo. Con questa mossa, la spedizione intendeva dimostrare in che modo la scienza marina può progredire senza inquinare gli oceani del mondo. I 512m² di pannelli solari di PlanetSolar, che alimentano sei blocchi di batterie agli ioni di litio, consentono alla barca di funzionare solamente a energia solare e di navigare fino a 72 ore in completa oscurità. Se il nome "PlanetSolar" vi suona familiare è perché la barca è anche famosa per essere la prima imbarcazione ad aver compiuto il giro del mondo soltanto a energia solare nel 2012. "TerraSubmersa, che è il momento saliente della nostra stagione 2014, è certamente il più affascinante [viaggio che abbiamo fatto]. La navigazione di alta precisione di cui avremo bisogno, assieme all'eccitazione della scoperta … tutto nella magnifica ambientazione del golfo Argolico," Gérard d’Aboville, il capitano della nave, ha dichiarato con grande entusiasmo quando il viaggio è iniziato. La missione è stata divisa in due fasi. La prima consisteva nel presentare il lavoro degli archeologi al pubblico e alla autorità locali mediante una serie di eventi organizzati a Eretria, Atene e Nauplia. La seconda fase era dedicata esclusivamente alla ricerca archeologica, e il team è estremamente soddisfatto dei risultati. "Noi abbiamo raccolto dei dati fantastici, la cui analisi richiederà due anni di lavoro," ha detto Julien Beck nel giornale di bordo ufficiale della PlanetSolar. Mediante la mappatura dei fondali, il team ha trovato paleospiagge risalenti a diversi periodi preistorici. Secondo loro, tutti i segni portano a credere che queste spiagge siano state modellate dagli abitanti della grotta Franchti, in cui gli scienziati hanno trovato conchiglie e resti di pesci. La nave e il suo equipaggio stanno adesso navigando alla volta di Venezia. Essi dovrebbero gettare l'ancora davanti al Palazzo Ducale il 4 settembre.Per maggiori informazioni, visitare: Sito web PlanetSolar http://www.planetsolar.org/ Pagina web TerraSubmersa http://www.unige.ch/terrasubmersa/en/

Paesi

Grecia