Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Sviluppare le capacità dei sistemi senza equipaggio nelle operazioni di ricerca e soccorso

Il progetto DARIUS finanziato dall'UE sta lavorando per potenziare le operazioni di ricerca e soccorso migliorando le prestazioni di interoperabilità dei sistemi senza equipaggio.

Dal disastro nucleare a Fukushima alle recenti frane nello Sri Lanka, nel mondo il numero di disastri naturali e causati dall'uomo aumenta ogni anno. Mentre le nostre popolazioni urbane continuano a crescere, la concentrazione di gente nelle città combinata con una pianificazione disordinata amplifica gli effetti di questi disastri, complica le operazioni di ricerca e soccorso (SAR) e mette in pericolo il personale di primo intervento. Il progetto DARIUS ("Deployable SAR Integrated Chain with Unmanned Systems") sta affrontando questo problema con l'obbiettivo di fornire piattaforme senza equipaggio per le operazioni di ricerca e soccorso. Pur basandosi sul lavoro di progetti già conclusi o ancora in corso, DARIUS si sta concentrando su aspetti che hanno ricevuto meno attenzione nell'utilizzo di sistemi senza equipaggio nelle operazioni SAR, vale a dire migliorare le prestazioni di interoperabilità a livello procedurale e tecnico. I sistemi senza equipaggio sono oggi comunemente usati nei programmi militari e paramilitari, ma ci sono delle complicazioni aggiuntive quando si tratta di usarli in operazioni di ricerca e soccorso (SAR). A differenza del settore militare, ogni agenzia nel settore della sicurezza ha un budget molto limitato. Per questo i sistemi senza equipaggio dovrebbero essere condivisi tra diverse agenzie e fornire informazioni e servizi a tutto il personale di primo intervento schierato sul campo. Il livello di interoperabilità necessario per ottenere questo richiede l'integrazione di sistemi senza equipaggio nel ciclo complessivo di comando e controllo, e la ricerca per raggiungere questo obbiettivo è uno dei punti principali su cui si concentra il team di DARIUS. La necessità di condividere i sistemi tra diverse agenzie richiede lo sviluppo di una stazione generale a terra (GGS - Generic Ground Station) che permetta agli utenti di controllare e/o raccogliere e sfruttare informazioni provenienti da varie piattaforme (aerea, sul terreno e marittima) attraverso la stessa interfaccia generale. Il concetto GGS assieme a quello di una banca dati condivisa tra i soccorritori (FSB - First responder Shared Data Base), vengono entrambi ulteriormente sviluppati da DARIUS. Una delle caratteristiche chiave del progetto DARIUS è la cooperazione e la comunicazione con gli utenti finali. Ad esempio, all'inizio di questo mese, il progetto DARIUS ha organizzato una sessione di formazione di due giorni pre-collaudo e una prova di incendio boschivo per gli ufficiali dei vigili del fuoco greci e per gli studenti della loro accademia. Il programma di addestramento si è concentrato sulle piattaforme aeree senza equipaggio e sui robot sul terreno che partecipano alla prova anti incendio, occupandosi del concetto di interoperabilità e della sua dimensione tecnica e operativa. Successivamente, un gruppo selezionato di dieci ufficiali dei pompieri ha partecipato a una prova di incendio boschivo effettuata da DARIUS nel sito di Alykes ad Anavyssos, a sud di Atene. L'obbiettivo era quello di dimostrare il potenziale dell'interoperabilità tecnica e operativa fornita da DARIUS e in che modo le piattaforme senza equipaggio possono contribuire alla gestione delle emergenze, supportando le operazioni SAR. Si spera che le interazioni come questa con gli utenti finali massimizzeranno l'impatto di DARIUS sulla sicurezza e protezione dei cittadini. Consapevole che i vincoli finanziari sono una questione sempre presente per questo settore, il team sta anche lavorando con gli utenti finali per accertare se essi comprerebbero le soluzioni e i componenti di DARIUS e che i modelli imprenditoriali elaborati da DARIUS siano validi. Il progetto si dovrebbe concludere a febbraio del 2015, e tutti i partner di DARIUS hanno sviluppato un chiaro piano di sfruttamento per usare a proprio vantaggio i risultati del progetto a breve, medio e lungo termine. Per maggiori informazioni, visitare: DARIUS http://www.darius-fp7.eu/

Paesi

Regno Unito