CORDIS - Risultati della ricerca dell’UE
CORDIS

Article Category

Notizie
Contenuto archiviato il 2023-03-23

Article available in the following languages:

L’Atlantico – cooperazione di ricerca internazionale per una risorsa da condividere

Dobbiamo collaborare con partner di ricerca internazionali per capire, proteggere e sviluppare in modo sostenibile i nostri oceani in futuro – e stato questo il messaggio principale del commissario Moedas durante una recente conferenza sull’Atlantico.

Parlando alla conferenza L’Atlantico - La nostra risorsa da condividere: dalla visione alla realtà a Bruxelles, Carlos Moedas, commissario per la ricerca, la scienza e l’innovazione, ha sottolineato l’importanza dell’Atlantico e di altri oceani come risorse che sostengono la vita e della nostra responsabilità di proteggerli e di raccogliere la loro abbondanza. Ha inoltre menzionato l’impegno internazionale per la ricerca sull’Atlantico che è stato formalizzato due anni fa con la sottoscrizione della dichiarazione di Galway sulla cooperazione riguardante l’Oceano Atlantico. Per assicurare che le generazioni attuali e future possano trarre beneficio dalla ricchezza degli oceani, dovremo fare importanti passi avanti in termini di ricerca – per esempio migliorare la nostra capacità di osservazione dell’oceano e previsione, la nostra conoscenza delle dinamiche dell’oceano e la nostra capacità di divulgare le conoscenze sugli oceani al pubblico. Secondo il Commissario, la Dichiarazione di Galway, che ha lanciato un’alleanza di ricerca sull’Atlantico tra UE, USA e Canada, costituirà un potente strumento verso questi progressi. Come ha tuttavia osservato il commissario, l’alleanza attuale è pronta a essere estesa ai paesi dell’Atlantico del sud come Brasile, Sudafrica e Capo Verde. Egli ha dichiarato: “Proprio come l’oceano, la comunità della ricerca oceanica non ha confini… Una vera cooperazione transatlantica sull’Oceano Atlantico non può essere limitata alle sue coste settentrionali. Il successo di questa iniziativa è intrinsecamente legato alla sua espansione dall’Artico all’Antartico – solo allora potremo cominciare a capire i rischi, le sfide e le opportunità che abbiamo di fronte. Per questi motivi, ritengo che l’ampliamento dell’Alleanza di ricerca sull’Oceano Atlantico all’Atlantico meridionale sia una priorità per i prossimi cinque anni.” Basandosi sul successo dell’attuale alleanza, il Commissario prevede che potremo raggiungere obiettivi di ricerca specifici come lo sviluppo di una nuova capacità di previsione dei principali rischi e cambiamenti dell’Oceano Atlantico settentrionale e del Sistema di circolazione e la mappatura delle aree critiche del fondale marino dell’Atlantico per rendere più precisi in nostri modelli di previsione. Questo progresso della ricerca e altro ancora saranno essenziali non solo per proteggere le popolazioni e il pianeta ma anche per assicurare una fiorente “economia blu” in futuro. L’economia blu attualmente rappresenta circa 5,4 milioni di posti di lavoro e ha un valore aggiunto lordo di quasi 500 miliardi di euro l’anno. Entro il 2020 ‒ prevede il commissario ‒ questo potrebbe aumentare di 1,6 milioni di posti di lavoro con un valore aggiunto di circa 600 miliardi di euro. I settori trainanti vanno dalla biotecnologia e l’energia rinnovabile, all’acquacoltura e le risorse minerali. Il programma Orizzonte 2020 sostiene la ricerca blu per la crescita blu stanziando 145 milioni di euro per questo settore nel periodo 2014-2015. Il programma di lavoro della Commissione per il periodo compreso tra il 2016 e il 2017 investirà ancora di più, in particolare per avvicinare la ricerca marina al mercato. Una serie di progetti di Orizzonte 2020 recentemente lanciati sono stati presentati durante i due giorni della conferenza. Come ha concluso il commissario Moedas, la questione non è più cosa c’è al di là dell’orizzonte o chi può arrivarci prima. Adesso la questione è: come possiamo collaborare meglio per proteggere la nostra più grande risorsa naturale, godendo allo stesso tempo delle meraviglie che ha da offrire? Per ulteriori informazioni, visitare: Orizzonte 2020: Sicurezza alimentare, agricoltura e silvicoltura sostenibili, ricerca marina e marittima e sulle acque interne e la bioeconomia http://ec.europa.eu/programmes/horizon2020/en/h2020-section/food-security-sustainable-agriculture-and-forestry-marine-maritime-and-inland-water

Paesi

Austria, Belgio, Bulgaria, Brasile, Canada, Capo Verde, Cipro, Cechia, Germania, Danimarca, Estonia, Grecia, Spagna, Finlandia, Francia, Croazia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Lettonia, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Svezia, Slovenia, Slovacchia, Regno Unito, Stati Uniti, Sud Africa

Articoli correlati