Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Strumenti di mappatura tracciano il percorso verso un approvvigionamento alimentare sostenibile

I ricercatori dell’UE hanno sviluppato strumenti di mappatura e di supporto alle decisioni per aiutare i responsabili delle politiche e le aziende del settore agroalimentare a migliorare l’approvvigionamento alimentare nelle aree urbane.

I risultati del progetto FOODMETRES, finanziato dall’UE, sono stati discussi al Vertice sull’investimento nella bioeconomia, tenutosi a Bruxelles a novembre 2015. Esperti del settore agricolo hanno collaborato per trovare soluzioni innovative che assicureranno la sostenibilità economica e ambientale dell’approvvigionamento alimentare nelle aree urbane. Al vertice, il coordinatore del progetto, Dirk Wascher di Alterra Wageningen, nei Paesi Bassi, ha presentato i principali successi del progetto e ha parlato di come questi saranno utili ai fautori delle politiche a livello locale e nazionale, ai consumatori e alle aziende collegate al settore agro-alimentare. Uno dei principali prodotti del progetto sarà la serie di riferimenti tecnici e strumenti a sostegno delle decisioni sviluppati. Questi sono stati progettati per permettere alle aziende del settore agro-alimentare, ai fautori delle politiche e alle organizzazioni della società civile di acquisire una migliore comprensione delle esigenze dell’approvvigionamento alimentare urbano e di raggiungere una pianificazione e una gestione più innovative della filiera alimentare. Per esempio, le parti interessate possono accedere al portale delle conoscenze FOODMETERS, che è adesso disponibile online. Questo portale fornisce informazioni sulla ricerca all’avanguardia rivolta a un approvvigionamento alimentare efficiente e presenta iniziative locali di successo ed esempi di business scoperti dal progetto. Un elemento centrale del programma è stato la mappatura dei sistemi agro-alimentari a livello locale, metropolitano e globale. Uno dei principali contributi del progetto è stato permettere la visualizzazione di scenari di domanda e offerta metropolitane mediante lo sviluppo di strumenti di mappatura, che aiuteranno le parti interessate a capire meglio le possibilità di potenziare l’autosufficienza alimentare metropolitana. Uno di questi strumenti – Metropolitan Footprint Tool (MFT) – permetterà ai fautori delle politiche di fare delle simulazioni che li aiuteranno a migliorare la capacità di approvvigionamento alimentare regionale. Inoltre, questo permetterà ai portatori di interesse della catena di approvvigionamento agro-alimentare di creare efficienze e così ridurre i costi operativi. Il team del progetto ha usato vari strumenti di mappatura per fare valutazioni in sei aree urbane: Berlino (Germania), Lubiana (Slovenia), Londra (Regno Unito), Milano (Italia), Nairobi (Kenya) e Rotterdam (Paesi Bassi). Per ogni caso di studio, il progetto ha proposto un nuovo approccio strategico alla pianificazione alimentare per regioni metropolitane sostenibili, incentrato sul coinvolgimento di tutte le parti interessate – dai fautori delle politiche all’industria agro-alimentare – in un processo decisionale basato su dati comprovati. Nel corso del progetto, il team di FOODMETRES si è concentrato su principi come l’efficienza delle risorse, lo sviluppo di cluster alimentari e l’innovazione dei sistemi. Alla fine sono stati in grado di dimostrare che le città possono essere auto-sufficienti per quanto riguarda il consumo alimentare specifico della regione e le capacità di approvvigionamento alimentare, ma che sono necessarie migliore pianificazione alimentare e innovazione al fine di rendere più sostenibili le filiere alimentari. Molte città in tutto il mondo stanno già sviluppando proprie politiche e programmi alimentari, con lo scopo di associare obiettivi di sviluppo sostenibile e sicurezza alimentare e innovazione sociale. Assicurare la sostenibilità delle filiere alimentari – in particolare in zone urbane sempre più concentrate – avrà un impatto economico e ambientale di lunga durata. Grazie alla creazione nuovi strumenti e metodi per ridurre la lunghezza delle filiere alimentari e al miglioramento dell’efficienza della produzione, il progetto FOODMETRES rappresenta un positivo passo avanti. Per ulteriori informazioni, visitare: Sito web del progetto FOODMETRES

Paesi

Paesi Bassi

Articoli correlati