Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

La Commissione plaude all'accordo per ridurre l'inquinamento atmosferico

La Commissione europea ha accolto favorevolmente il recente accordo siglato dai ministri dell'Ambiente dell'UE per ridurre l'inquinamento atmosferico causato dai gruppi elettrogeni e per fissare nuovi limiti alle emissioni dei quattro principali inquinanti atmosferici, nell'in...

La Commissione europea ha accolto favorevolmente il recente accordo siglato dai ministri dell'Ambiente dell'UE per ridurre l'inquinamento atmosferico causato dai gruppi elettrogeni e per fissare nuovi limiti alle emissioni dei quattro principali inquinanti atmosferici, nell'intento di affrontare i problemi dello smog e dell'acidificazione durante il periodo estivo. "L'accordo raggiunto sulle proposte riguardanti i grandi impianti di combustione e i massimali nazionali di emissione farà diminuire di oltre la metà le emissioni di biossido di zolfo delle attuali centrali elettriche", prevede la Commissione. Entro il 2010, le emissioni complessive di biossido di zolfo verranno ridotte del 77 per cento, quelle degli ossidi d'azoto del 51 per cento, dei composti organici volatili del 54 per cento e dell'ammoniaca del 14 per cento, rispetto ai livelli del 1990. Il Consiglio ha approvato l'obiettivo della Commissione di ridurre ulteriormente le emissioni aldilà dei livelli per i quali si era impegnata con la firma del protocollo UNECE lo scorso dicembre a Göteborg. "Tali riduzioni consentiranno alla Comunità di compiere due terzi del percorso verso il raggiungimento del proprio obiettivo sull'acidificazione e di giungere ad oltre metà strada per quanto riguarda l'obiettivo "salute" fissato per l'ozono", afferma la Commissione. "Questo pacchetto di misure dimostra quanto l'UE sia determinata a fissare obiettivi ambiziosi in materia di protezione ambientale e a fornire risultati concreti. Nel contempo tale accordo definisce un importante punto di riferimento ambientale da utilizzare nell'ambito dei negoziati con i paesi candidati all'ampliamento", ha commentato Margot Wallström, commissario europeo per l'Ambiente. È previsto un riesame nel 2004.