Skip to main content

‘GET READY, WORKERS OF SPAIN!’ : THE RUSSIAN REVOLUTION AND ITS INFLUENCE ON THE NATURE OF POST-WORLD WAR I SOCIAL CONFLICT IN SPAIN

Article Category

Article available in the folowing languages:

Il conflitto sociale in Spagna dopo la Rivoluzione russa

I ricercatori hanno esaminato cosa ha spinto i lavoratori spagnoli e i contadini a partecipare alle proteste sociali tra il 1917 e il 1923 oltre alle motivazioni dei gruppi reazionari che si opponevano ad essi.

Tecnologie industriali

Uno dei conflitti sociali più aspri e violenti nell’Europa post-bellica è avvenuto dopo la Rivoluzione russa del 1917. Le sue conseguenze hanno incluso la Guerra civile russa e le rivolte in Spagna tra il 1917 e il 1923. Un risultato è stato la dittatura del Generale Miguel Primo de Rivera, durata fino al 1930. Lo scopo del progetto RUSSIA-IN-SPAIN ('Get ready, workers of Spain!': the Russian revolution and its influence on the nature of post-World War I social conflict in Spain), finanziato dall’UE, è stato di analizzare la storia della trasmissione delle informazioni e le idee. In questo modo, i collegamenti tra gli eventi dalla Russia e la militanza della manodopera spagnola organizzata potranno essere meglio compresi. L’Andalusia e la Catalogna sono state le aree principali di interesse e sono stati sfruttati i movimenti sociali dal punto di vista dei partecipanti a basso rango. È stata effettuata una ricerca approfondita e mirata utilizzando sia la letteratura secondaria che le raccolte spagnole di risorse primarie. Di conseguenza, le pubblicazioni sono state completate e inviate. Esse esaminano la Spagna durante il periodo 1917-1923 per creare un quadro per la mobilitazione contro-rivoluzionaria europea dopo la Rivoluzione d’ottobre del 1917 in Russia. Un grande vantaggio del lavoro è che offre una migliore comprensione della forma e dell’intensità delle politiche reazionarie spagnole e della correlazione con la Rivoluzione russa.

Parole chiave

Spagna, conflitto sociale, Rivoluzione russa, lavoratori spagnoli, Europa postbellica

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione