European Commission logo
italiano italiano
CORDIS - Risultati della ricerca dell’UE
CORDIS
Contenuto archiviato il 2024-06-18

The Europeanisation of the Holocaust memory in Eastern Europe

Article Category

Article available in the following languages:

Tracciare la memoria dell’Olocausto

Un progetto finanziato dall’UE ha ricercato le ragioni e i modi in cui la memoria dell’Olocausto europeo ha contribuito allo sviluppo della memoria dell’Olocausto in Europa occidentale negli ultimi decenni.

Tecnologie industriali icon Tecnologie industriali

L’Olocausto ha avuto luogo tra il 1933 e il 1945 prima di tutto nell’Europa dell’Est. A quell’epoca, l’Europa dell’est era intesa come i paesi controllati dal comunismo tra il 1945 e il 1989 e che da allora si sono uniti all’UE. Il progetto EURHOLMEM (“The Europeanisation of the Holocaust memory in eastern Europe”) si è concentrato sugli stati che hanno avuto accesso all’UE nel 2004 e nel 2007. In questo caso, la memoria è stata considerata dal punto di vista degli studi culturali e sociali, concentrandosi sulla celebrazione, sui memoriali e sui musei. L’Europeizzazione della memoria dell’Olocausto è il modo in cui le credenze sull’Olocausto sono costruite e istituzionalizzate, comprese le norme formali e informali. Sono state definite, consolidate e incorporate nelle pratiche dei paesi europei. Una valutazione del modo in cui la memoria indigena ed esogena dell’Olocausto esiste nei paesi dell’Europa dell’Est è stato uno dei principali obiettivi del progetto. Inoltre, EURHOLMEM si è rivolto alle organizzazioni internazionali/europee per esaminare l’europeizzazione dei ricordi dell’Olocausto. È stato considerato lo sviluppo più lento nell’Europa orientale, in Israele e negli Stati Uniti. Le analisi comparative, lo studio etnografico e le revisioni della storia sono tutte state parte del processo. I risultati generali indicano che la memoria cosmopolita e dell’Europa (occidentale) dell’Olocausto ha dato importanti contributi allo sviluppo della memoria dell’Olocausto in Europa occidentale a partire dal 1989. L’influenza della memoria dell’Olocausto europeo viene vista innanzitutto durante i giorni della memoria dell’Olocausto e i programmi educativi in quasi tutti i paesi orientali. I risultati del progetto aiuteranno a contribuire a una migliore comprensione degli sviluppi iniziali e finali della memoria dell’Olocausto nell’area in cui è avvenuto. Attraverso questo, viene evidenziato il ruolo della memoria dell’Olocausto cosmopolita ed europea, compresa l’UE.

Parole chiave

Memoria dell’Olocausto, Europa orientale, comunismo, europeizzazione, studi sociali

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione