Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Due telescopi per osservare il Big Bang

L'Agenzia spaziale europea ha aggiudicato il più grosso contratto della sua storia relativo alla costruzione di due telescopi spaziali, Herschel e Planck, che verranno lanciati nel 2007. I telescopi sono progettati per offrire una visione senza precedenti sull'origine dell'uni...

L'Agenzia spaziale europea ha aggiudicato il più grosso contratto della sua storia relativo alla costruzione di due telescopi spaziali, Herschel e Planck, che verranno lanciati nel 2007. I telescopi sono progettati per offrire una visione senza precedenti sull'origine dell'universo. Herschel, dal nome dell'astronomo britannico che scoprì la luce infrarossa, sarà il primo telescopio spaziale a coprire l'intera lunghezza d'onda dell'infrarosso lontano. Esso fornirà informazioni sulla formazione e sull'evoluzione delle prime stelle e galassie. Planck, dal nome del fisico tedesco vincitore del premio Nobel, analizzerà la radiazione cosmica di fondo a microonde (residui della prima radiazione diffusasi nel cosmo) che costituisce una finestra da cui osservare le origini del nostro universo. Il consorzio che si è aggiudicato il contratto è guidato dal contraente principale, la francese Alcatel Space, assieme alla tedesca Astrium GmbH e all'italiana Alenia Spazio. Queste aziende progetteranno, produrranno e lanceranno i satelliti per il trasporto dei telescopi. I satelliti verranno lanciati insieme in un'orbita elevata attraverso un lanciatore Ariane 5 dalla base di Kourou (Guyana francese). Dopo il lancio, il vettore si dividerà e i due satelliti seguiranno orbite diverse intorno a un punto a circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Il consorzio inoltre è tenuto ad assicurare che i satelliti siano pienamente operativi e capaci di trasmettere regolarmente i dati alla Terra. I satelliti presentano nuove sfide tecnologiche, in particolare la necessità di mantenere alcuni componenti dei telescopi a temperature prossime allo zero assoluto.