Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Una nuova macchina per l'imaging tridimensionale dello scheletro aiuta a curare e prevenire le lesioni

Uno strumento per l'imaging tridimensionale dello scheletro, sviluppato nel Regno Unito, viene utilizzato dai fisioterapisti come ausilio nella cura e nella prevenzione delle lesioni correlate all'attività sportiva. Sviluppata dalla Marlbrook Motion Analysis unitamente all'Un...

Uno strumento per l'imaging tridimensionale dello scheletro, sviluppato nel Regno Unito, viene utilizzato dai fisioterapisti come ausilio nella cura e nella prevenzione delle lesioni correlate all'attività sportiva. Sviluppata dalla Marlbrook Motion Analysis unitamente all'Università di Worcester, questa nuova tecnologia offre "filmati in movimento" che mostrano come si comporta lo scheletro in azione, evidenziando le anomalie o le zone a rischio di problemi. I fisioterapisti sono così in grado di elaborare percorsi terapeutici specifici per correggere il problema, a volte anche prima che esso si manifesti. "Con le diagnosi cliniche convenzionali si può guardare solo dalla superficie. Con questa macchina si può vedere la biomeccanica del funzionamento effettivo del corpo. Il software sofisticato può sovrapporre all'immagine dello scheletro l'impressione ottenuta da telecamere ad infrarossi. Si ottiene così un'analisi tridimensionale del movimento", ha dichiarato alla BBC Barney Griffiths del South Bank Hospital (Regno Unito). La tecnica potrebbe essere utilizzata anche per valutare l'autenticità delle richieste di risarcimento assicurativo. In presenza di una vera lesione, lo scheletro si muoverà sempre nello stesso modo durante l'attività. Se lo scheletro mostra differenze nei movimenti, la richiesta di risarcimento assicurativo potrebbe rivelarsi falsa.