Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

L'UE lancia un partenariato con i paesi in via di sviluppo per lottare contro l'AIDS, la malaria e la tubercolosi

La Commissione europea ha proposto di sostenere un partenariato a lungo termine fra l'Europa e i paesi in via di sviluppo stanziando 200 milioni di euro per lo sviluppo di nuovi farmaci e vaccini contro l'HIV/AIDS, la malaria e la tubercolosi. Tale partenariato tra l'Europa ...

La Commissione europea ha proposto di sostenere un partenariato a lungo termine fra l'Europa e i paesi in via di sviluppo stanziando 200 milioni di euro per lo sviluppo di nuovi farmaci e vaccini contro l'HIV/AIDS, la malaria e la tubercolosi. Tale partenariato tra l'Europa e i paesi in via di sviluppo volto alla sperimentazione clinica (EDCTP) consentirà di riunire Stati membri dell'UE, Norvegia, paesi in via di sviluppo e industria in uno sforzo congiunto per lottare contro le malattie legate alla povertà. Il commissario europeo per la Ricerca Philippe Busquin ha definito l'iniziativa un perfetto esempio del funzionamento dello Spazio europeo della ricerca, affermando: "Quest'importante iniziativa dimostra la nostra determinazione ad aiutare i paesi in via di sviluppo a lottare contro tali malattie, lavorando insieme allo sviluppo di vaccini contro l'AIDS, la tubercolosi e la malaria, e a rendere le terapie più economiche, oltre ad adattarle alle esigenze dei paesi più poveri. La proposta della Commissione è il frutto di approfondite consultazioni fra tutte le parti interessate". Tale iniziativa rappresenta un primo passo per far avanzare il programma EDCTP, che disporrà di una dotazione di 600 milioni, dalla fase concettuale a quella sostanziale. Per la prima volta, inoltre, la Commissione ha deciso di integrare le attività e i programmi di ricerca clinica di vari Stati membri per il perseguimento di un obiettivo comune. Ai 200 milioni di euro erogati dalla Comunità si aggiungeranno i 200 milioni di euro provenienti dai programmi nazionali di ricerca clinica dei paesi partecipanti e i 200 milioni di euro messi a disposizione da alcuni donatori e dall'industria. Quest'iniziativa comune dell'UE e dei paesi europei partecipanti consentirà, una volta giunta l'autorizzazione del Parlamento europeo e del Consiglio, il rapido avvio di una prima serie di urgenti provvedimenti. Il circolo vizioso povertà-malattia è all'origine della profonda crisi economico-sanitaria dei paesi in via di sviluppo, soprattutto nell'Africa subsahariana. L'HIV/AIDS, la malaria e la tubercolosi (TB) sono responsabili, da soli, della morte di oltre cinque milioni di persone l'anno, il 95 per cento delle quali nei paesi in via di sviluppo. Il programma EDCTP, che fa seguito al "Programma d'azione" del 2001, mira a promuovere l'intensificazione e il miglioramento delle attività di ricerca e sviluppo volte alla lotta contro queste tre malattie.

Articoli correlati