Skip to main content

INTERnational COoperation in the SSH: Comparative Socio-Historical Perspectives and Future Possibilities

Article Category

Article available in the folowing languages:

Una collaborazione avanzata per il settore delle scienze sociali e delle discipline umanistiche

I ricercatori hanno esaminato lo stato delle scienze sociali e delle discipline umanistiche (Social Sciences and Humanities, SSH) in Europa per comprendere i fattori che facilitano o pongono un freno agli scambi internazionali. Questi lavori contribuiscono al rafforzamento delle capacità in termini di innovazione nel settore dell’economia della conoscenza.

Società

L’iniziativa INTERCO-SSH (International cooperation in the SSH: Comparative socio-historical perspectives and future possibilities), finanziata dall’UE, rappresentava il primo progetto comparativo su vasta scala relativo all’istituzionalizzazione di sette discipline nel settore SSH (economia, sociologia, scienze politiche, antropologia, psicologia, filosofia, studi letterari). L’iniziativa ha utilizzato gli strumenti offerti dalle SSH per lo studio di queste discipline nel relativo contesto sociale e storico in otto paesi dal 1945 a oggi (Germania, Francia, Ungheria, Italia, Paesi Bassi, Regno Unito, Argentina e Stati Uniti). Durante la prima fase dei lavori, i ricercatori hanno sviluppato una metodologia e una serie sintetica di indicatori oggettivi per lo studio delle SSH da una prospettiva comparativa e transnazionale, preferendo analizzare tre diversi punti di vista sulle scienze sociali e le discipline umanistiche in Europa anziché confrontare singoli casi. Ai fini dell’identificazione di modelli nazionali di istituzionalizzazione, è stata analizzata la storia recente delle SSH in vari paesi europei facendo riferimento ai principali partner intellettuali al di fuori del vecchio continente. L’iniziativa INTERCO-SSH ha esaminato la misura in cui la mutevole divisione istituzionale (o accademica) del lavoro nell’ambito delle SSH rappresenti un ostacolo alla cooperazione tra i reali ambiti di ricerca. I ricercatori si sono concentrati sulle modalità di manifestazione dei confini geografici e disciplinari nelle SSH e sulla circolazione di studenti e conoscenze nei vari domini di ricerca e contesti nazionali. Sono stati creati e utilizzati vari indicatori di internazionalizzazione, tra cui associazioni internazionali, co-stesure internazionali, traduzioni e programmi di scambio. I ricercatori hanno elaborato una serie di modelli di circolazione internazionale di idee nel settore delle SSH sulla base di studi di casi concreti di questi paradigmi e teorie contrastanti e delle controversie che ne scaturiscono. Focalizzandosi sulle tre prospettive relative all’istituzionalizzazione, al superamento dei confini e alla circolazione delle idee, i ricercatori sono stati in grado di identificare gli elementi che fungono da ostacoli o da fattori propulsivi della cooperazione scientifica. Nell’ambito del progetto è anche stato prodotto un manuale degli indicatori dell’internazionalizzazione (“Handbook of Indicators of Internationalization”). I ricercatori hanno studiato le modalità di ricezione e di circolazione dei principali studiosi e dei relativi paradigmi nell’ambito delle SSH in varie discipline e in diversi paesi europei, in America latina e negli Stati Uniti. Un altro punto è rappresentato dallo studio delle controversie, basato sull’analisi di specifici casi di ricezione e di circolazione, finalizzata all’esame delle barriere e degli ostacoli effettivi e potenziali nei processi di circolazione intellettuale. I risultati del progetto hanno fatto luce su questioni legate all’interdisciplinarità e all’internazionalizzazione, sia su un piano analitico generico, sia con un riferimento più specifico a paesi e discipline.

Parole chiave

Scienze sociali e discipline umanistiche, economia della conoscenza, INTERCO-SSH, internazionalizzazione

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione