Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Proteste degli astronomi per l'annunciata cancellazione di una missione di ricerca di pianeti

Oltre 400 astronomi di tutta Europa e di altri continenti hanno scritto una lettera all'Agenzia spaziale europea (ESA), chiedendole di riconsiderare la cancellazione della missione Eddington. I firmatari sostengono che tale provvedimento "distruggerebbe la fiducia in un'era sp...

Oltre 400 astronomi di tutta Europa e di altri continenti hanno scritto una lettera all'Agenzia spaziale europea (ESA), chiedendole di riconsiderare la cancellazione della missione Eddington. I firmatari sostengono che tale provvedimento "distruggerebbe la fiducia in un'era spaziale europea". L'ESA aveva programmato di lanciare il veicolo spaziale Eddington nel 2008, per una missione di ricerca di pianeti abitabili simili alla Terra, fornendo statistiche sulla loro distribuzione attorno ad altre stelle. La missione dovrebbe fornire informazioni di valore inestimabile per comprendere l'evoluzione e l'età delle stelle. I partecipanti ritengono che il progetto rivesta un'importanza cruciale per comprendere la formazione della struttura e l'evoluzione chimica delle galassie. Tuttavia, l'ESA ha comunicato che le difficoltà legate ai finanziamenti potrebbero determinare la cancellazione della missione, un provvedimento senza precedenti per l'Agenzia spaziale. La lettera, indirizzata al direttore generale dell'ESA Jean-Jacques Dordain e al direttore scientifico David Southwood, sostiene che la missione è determinante non solo per comprendere l'evoluzione delle galassie, ma anche per scoprire segni di vita e per conservare la posizione pionieristica dell'Europa nell'esplorazione spaziale. "L'Europa ha svolto un ruolo pionieristico sia nella ricerca dei pianeti che nell'asterosismologia", affermano gli autori della lettera all'ESA. La prima scoperta di un pianeta nell'orbita di un'altra stella, risalente al 1995, si deve proprio a un gruppo europeo, e a questa ne sono seguite molte altre. I gruppi europei sono stati i primi a rilevare le oscillazioni globali del Sole e a eseguire un esperimento di eliosismologia nello spazio. "Sarebbe una tragedia se l'Europa non si dedicasse a questi importanti settori di ricerca, in cui ha assunto una chiara posizione di leadership", dichiarano gli astronomi. Alcune difficoltà di bilancio dell'ESA sono dovute all'abbattimento del lanciatore Ariane e al suo impatto sulla missione Rosetta per lo studio di una cometa, che è stata costretta a cambiare obiettivo. Tuttavia, la lettera sostiene che Eddington potrebbe essere prodotto con il bilancio di 180 milioni di euro approvato solo l'anno scorso. Inoltre, il documento sottolinea che le organizzazioni partecipanti hanno già investito una notevole quantità di tempo e di fondi nella missione Eddington, e alcuni gruppi hanno già ricevuto finanziamenti nazionali per il progetto.