Skip to main content

CELLULAR AND SYNAPTIC DISSECTION OF THE NEURONAL CIRCUITS OF SOCIAL AND AUTISTIC BEHAVIOR

Article Category

Article available in the folowing languages:

Capire le cause dei disturbi mentali

Uno sguardo approfondito su come i circuiti neurali del nostro cervello controllano certi comportamenti – e cosa succede quando questi non funzionano correttamente – potrebbe permettere di capire meglio le malattie mentali e portare a cure e politiche sanitarie migliori.

Salute

Il progetto CELLSYNCIRCUITS si è concentrato sulle sinapsi, lo spazio tra i neuroni che facilita la trasmissione di informazioni nel cervello. Gli scienziati credono che una disfunzione sinaptica potrebbe essere la causa di certi disturbi mentali come la schizofrenia e l’autismo. “Scoprire cosa va storto nel cervello di un paziente affetto da un disturbo mentale potrebbe aiutarci a trovare nuovi modi di alleviare le sofferenze e trovare cure,” spiega il dott. João Peça dell’Università di Coimbra in Portogallo, assegnatario di una Borsa Azioni Marie Curie di integrazione alla carriera e coordinatore del progetto CELLSYNCIRCUITS. “A questo riguardo, esaminare il ruolo delle sinapsi ci ha aiutato a capire in che modo le informazioni sono trasmesse nel cervello e in che modo un cattivo funzionamento sinaptico possa portare a problemi comportamentali come l’autismo o la schizofrenia.” Questa ricerca potrebbe anche influenzare future discussioni sulle politiche sociali. “Abbiamo trovato prove per esempio che le prime interazioni tra la madre e il neonato sono un aspetto critico del normale sviluppo degli animali sociali,” dice Peça. “Se questo è vero, allora questa interazione potrebbe essere marcatamente più importante per esseri complessi come noi. Questo potrebbe essere un punto importante di discussione per quanto riguarda, per esempio, il congedo di maternità.” Sinapsi e circuiti neurali Il progetto CELLSYNCIRCUITS ha esaminato i circuiti neurali a diversi livelli di complessità. Usando come modello i roditori, il progetto ha esaminato più da vicino il ruolo delle singole proteine che si trovano nelle sinapsi, analizzando la funzione che svolgono nel modulare le informazioni. Ha quindi allargato il campo passando da questo approccio per singola molecola a esaminare in che modo i circuiti neurali potrebbero controllare il comportamento. Questa ricerca – sia a livello del singolo gene che a livello del circuito – ha cercato di raggiungere una comprensione più olistica delle funzioni del cervello. “Abbiamo cercato di identificare se certi circuiti neurali fossero responsabili di specifici comportamenti sociali,” spiega Peça. “Capire l’autismo è uno dei principali interessi del mio lavoro e voglio capire in che modo alcuni elementi genetici possano portare a uno stato di malattia.” Avversità nelle prime fasi della vita Il progetto ha valutato gli effetti che lo stress può avere sul comportamento sociale, esaminando in che modo le privazioni e le avversità delle prime fasi della vita possono avere ripercussioni più avanti. per esempio, se un neonato viene separato dalla madre. “Abbiamo scoperto che i fattori ambientali possono provocare comportamenti sociali disfunzionali in età adulta,” dice Peça. “La conseguenza a lungo termine delle avversità nelle prime fasi della vita potrebbe quindi avere un ruolo nell’integrazione dell’individuo in gruppi sociali più avanti nel corso della vita. Inoltre, poiché lo stress all’inizio della vita è un fattore che sarà sempre con noi, dovremmo forse pensare a come creare strategie che allevino in modo più efficace l’impatto sociale sugli individui che ne sono colpiti.” La borsa di integrazione alla carriera, che ha finanziato questa ricerca pionieristica, ha avuto un impatto positivo anche sull’inizio della carriera di Peça nella neurobiologia. “È stata la prima borsa che ho ricevuto quando organizzavo il mio laboratorio indipendente e ha avuto un’enorme influenza sul mio lavoro attuale,” dice. “La borsa mi ha permesso di avviare il mio laboratorio e soprattutto di essere riconosciuto e integrato nella comunità scientifica portoghese. Questa borsa è stata di grande aiuto per costruire la mia ricerca indipendente.”

Parole chiave

CELLSYNCIRCUITS, sinapsi, cervello, neurale, circuiti, Marie Curie, schizofrenia, autismo, neurobiologia

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione