Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Global HIV/AIDS Vaccine Enterprise delinea il suo piano strategico

La Global HIV/AIDS Vaccine Enterprise, tra i cui membri si contano la Commissione europea e l'EDCTP (European and Developing Countries Clinical Trials Partnership), ha delineato un piano strategico per sviluppare un efficace vaccino per l'HIV. Il piano - messo a punto con un...

La Global HIV/AIDS Vaccine Enterprise, tra i cui membri si contano la Commissione europea e l'EDCTP (European and Developing Countries Clinical Trials Partnership), ha delineato un piano strategico per sviluppare un efficace vaccino per l'HIV. Il piano - messo a punto con un processo di consultazione che ha interessato 140 partecipanti di 17 paesi e la Commissione europea - indica le principali pietre miliari per sviluppare un vaccino HIV e le attuali priorità scientifiche, per affrontare le quali elabora un approccio strategico iniziale. Il comitato di coordinamento dell'azienda ha illustrato il piano strategico nella rivista 'Medicine' della Public Library of Science, e ha sottolineato che sviluppare un vaccino HIV 'richiede uno sforzo di ampiezza, intensità e ingegneria senza precedenti nella ricerca biomedica'. Una tale impresa globale può aumentare gli sforzi dei singoli team di ricercatori e favorire una comunità globale e aperta degli operatori impegnati a risolvere il problema. Il piano strategico afferma che l'obiettivo più urgente dal punto di vista scientifico è la preparazione di nuovi vaccini HIV candidati sulla base dei virus di recente trasmissione, che offrono migliori possibilità di fornire risposte immunitarie ai ceppi attualmente in circolazione. Dopo aver analizzato le piste di ricerca che al momento sembrano più promettenti per la messa a punto di vaccini candidati, il piano si occupa anche delle necessità strategiche meno scientifiche, e in primo luogo della necessità di aumentare le capacità di sviluppo e di fabbricazione dei prodotti. 'Sempre più vaccini HIV candidati sono ora al nastro di partenza, e le attuali capacità saranno presto esaurite. La priorità assoluta è quindi quella d'individuare o creare uno o più bioprocessi per i vaccini HIV e gruppi di sviluppo analitico che riuniscano le conoscenze e le capacità di produrre i vaccini candidati promettenti per i test clinici', indica il piano. Oltre ad aumentare le capacità di fabbricazione, Vaccine Enterprise vuole anche aumentare la capacità globale di condurre trial clinici a grande scala, in particolare nei paesi in via di sviluppo, aumentando numero e qualità degli staff di ricerca, creando strutture di ricerca sostenibili per appoggiare i trial, migliorando l'accesso ad ampie e ben definite popolazioni d'individui sani ma ad elevato rischio d'infezione HIV. Vaccine Enterprise ammette che in una fase o l'altra del processo di sviluppo del vaccino potrebbero nascere problemi di proprietà intellettuale, ma fa notare che 'attualmente la priorità assoluta è stimolare le ricerche iniziali e la progettazione del vaccino, grazie a una maggiore libertà operativa scientifica e alla condivisione dei dati e dei materiali biologici', ed aggiunge che bisognerà occuparsi piuttosto di minimizzare le restrizioni alla libertà operativa, di condividere informazioni, materiali, conoscenze e segreti commerciali, e di massimizzare al tempo stesso l'accesso alle tecnologie e invenzioni indispensabili. In termini di strutture di ricerca necessarie per svolgere il lavoro, Enterprise individua differenti strutture per le specifiche sfide di ricerca. Dapprima, verranno approntate reti di consorzi specializzati e centri reali o virtuali per risolvere molti degli attuali problemi scientifici. Successivamente un sistema globale di laboratori collaborerà per garantire qualità e standardizzazione della ricerca clinica, permettendo così il confronto di dati di trial differenti. Per assicurare lo sviluppo di siti di trial di qualità, verrà creata una rete collaborativa di centri di formazione alla ricerca clinica, con un positivo impatto sulla ricerca di vaccini HIV e sulle attività generiche di trial clinici per altre malattie. Per poter disporre di sufficienti capacità di sviluppo e produzione di vaccini candidati, infine, una rete di singoli e aziende con esperienze produttive stabilirà contatti con i consorzi che operano nella ricerca del vaccino. Per concludere, il piano chiede che venga raddoppiata la spesa globale per la ricerca di un vaccino HIV, pari attualmente a circa 500 milioni di euro all'anno. 'Il comitato di coordinamento di Enterprise studierà le necessità finanziarie supplementari necessarie per una piena attuazione del piano [...] ed esplorerà le alternative per raccogliere i fondi nei settori pubblico e privato'.

Articoli correlati