Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Il coordinatore polacco paragona le esperienze di due progetti dell'UE

Pawel Bartoszek del Poznan Science and Technology Park in Polonia vanta una grande esperienza di progetti dell'UE, avendone coordinati due del Sesto programma quadro (6PQ). Comparando le sue esperienze con i due diversi progetti, Bartoszek avanza un suggerimento per gli attual...

Pawel Bartoszek del Poznan Science and Technology Park in Polonia vanta una grande esperienza di progetti dell'UE, avendone coordinati due del Sesto programma quadro (6PQ). Comparando le sue esperienze con i due diversi progetti, Bartoszek avanza un suggerimento per gli attuali coordinatori di progetto: disporre di un sito web efficiente è un 'fattore decisivo' per il successo. Parlando al Notiziario CORDIS, Bartoszek ha spiegato che il solo fatto di disporre di un sito web con i profili dei partecipanti aveva assicurato il successo di un evento di mediazione organizzato per il progetto FOODLINK. Gli incontri dei partner per il progetto POLFOOD erano stati invece organizzati a mano, e non erano riusciti a dare i risultati sperati. 'Nel quadro del progetto FOODLINK, tutti i profili dei partecipanti erano stati messi nel sito web qualche settimana prima dell'evento di mediazione', ha spiegato Bartoszek. 'Questo ha garantito che ciascun partecipante avesse la possibilità di scegliere chi voleva incontrare e con chi voleva discutere. Certi partecipanti avevano scelto fino a 12 persone, e in totale sono stati organizzati un centinaio di incontri. È stato un gran successo', ha aggiunto. Il progetto FOODLINK, finanziato come azione di sostegno specifico (SSA) nell'ambito del 6PQ, riunisce 11 partner dell'Europa orientale, Turchia, Spagna e Paesi Bassi. Il suo scopo è incrementare la partecipazione dei nuovi Stati membri alla priorità tematica alimentare del 6PQ, stabilire tra di loro la cooperazione, aumentare i contatti tra i nuovi e i vecchi Stati membri e dare maggiore visibilità ai ricercatori dei nuovi Stati membri nello Spazio europeo della ricerca. Il risultato principale del progetto, ha spiegato Bartoszek, è stato l'evento di mediazione tenutosi durante la Fiera commerciale internazionale dell'industria alimentare, che si è svolta a Poznan nel settembre 2004. Quella di Poznan è la maggior fiera alimentare dell'Europa orientale. All'evento hanno partecipato circa 40 scienziati provenienti dai Paesi Bassi, dalla Norvegia e dal Regno Unito. 'Questo grande assembramento ha dato la misura del successo dell'avvenimento', ha spiegato Bartoszek. POLFOOD invece, che era destinato a creare tra i ricercatori e le imprese polacche la consapevolezza dei programmi quadro, diffondere i risultati dei progetti del 5PQ nel campo e stimolare la partecipazione polacca al 6PQ, è stato, per dirla con le parole del coordinatore del progetto, 'deludente'. 'Il mio compito era organizzare incontri di partner, ma non è stato un gran successo, nessuno voleva incontrare nessuno. Forse per via dell'ostacolo della lingua, forse perché i ricercatori polacchi non sono tanto interessati alla collaborazione internazionale quanto credevo che fossero prima dell'avvenimento', si è lamentato Bartoszek. Secondo Bartoszek, tuttavia, la principale ragione del successo di un evento di mediazione e dell'insuccesso dell'altro è solo la differenza di metodologia. Con FOODLINK la gente ha avuto il tempo di controllare il profilo degli altri partecipanti. 'Il fattore decisivo è stato il sito web interattivo e ben documentato', ha concluso Bartoszek.

Paesi

Polonia