Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Le spin-out universitarie inglesi 'più efficienti e redditizie di quelle americane', scopre un rapporto

Le università britanniche si stanno sempre più volgendo al mondo dell'economia e sono più propense a collegare la ricerca ai bisogni del settore privato: è quanto afferma l'ultimo rapporto annuale sull'attività delle spin-out del settore dell'istruzione superiore del paese. ...

Le università britanniche si stanno sempre più volgendo al mondo dell'economia e sono più propense a collegare la ricerca ai bisogni del settore privato: è quanto afferma l'ultimo rapporto annuale sull'attività delle spin-out del settore dell'istruzione superiore del paese. Un'indagine condotta su 164 istituzioni dall'Hefce (higher education funding council for England) rivela che il numero di brevetti rilasciati alle università è aumentato del 26% nell'anno accademico 2002-03. Inoltre le università del Regno Unito hanno creato una spin-out per ogni 25 milioni di euro spesi nella ricerca, rispetto al rapporto di una per ogni 87 milioni di euro investiti negli Stati Uniti. Secondo l'indagine sull'interazione tra istruzione superiore ed economia e comunità nel 2002-03: 'Complessivamente, i dati dell'indagine mostrano un continuo miglioramento delle interazioni tra istruzione superiore ed economia. Si scorge una crescente padronanza da parte degli istituti di istruzione superiore dei loro approcci distintivi per contribuire all'economia ed alla società, [e] un aumento dell'impegno a sostenere le PMI (piccole e medie imprese) e a rispondere ai bisogni di esperienze regionali'. Il giro d'affari combinato del settore delle spin-out universitarie ha totalizzato 520 milioni di euro e ha creato occupazione per l'equivalente di 13.000 posti di lavoro a tempo pieno. Le università hanno anche fatto stato di un significativo aumento delle loro entrate per lavori di consulenza, anche del 38% rispetto all'anno precedente, per circa 244 milioni di euro. Sir Howard Newby, direttore esecutivo dell'Hefce, ha dichiarato: 'L'indagine di quest'anno mostra che le università e i college stanno continuando a dare il loro contributo allo sviluppo economico e sociale del paese. Fa piacere vedere quanto ampio sia lo spettro coperto da queste interazioni: innovazione, formazione e, quest'anno, riconoscimento delle loro attività basate sulla comunità'. Kim Howells, ministro dell'Istruzione superiore inglese, ha aggiunto: 'Le università hanno un ruolo chiave da svolgere nello stimolo delle imprese locali e nella rigenerazione delle regioni mediante il loro lavoro innovativo. I risultati dell'indagine odierna dimostrano che stanno continuando a spingere la produttività inglese'.