Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

La Commissione lancia un nuovo programma di eGovernment

L'UE ha bisogno di servizi di eGovernment più efficaci ed ambiziosi per rivitalizzare l'agenda di Lisbona, hanno affermato i partecipanti a una conferenza svoltasi il 17 e 18 febbraio a Bruxelles. Nel corso della conferenza 'Cross-border eGovernment services for administrati...

L'UE ha bisogno di servizi di eGovernment più efficaci ed ambiziosi per rivitalizzare l'agenda di Lisbona, hanno affermato i partecipanti a una conferenza svoltasi il 17 e 18 febbraio a Bruxelles. Nel corso della conferenza 'Cross-border eGovernment services for administrations, businesses and citizens', la direzione generale Imprese e industria della Commissione europea ha presentato IDABC, un nuovo programma destinato a migliorare l'efficienza delle amministrazioni pubbliche europee. 'Industria e cittadini sono i beneficiari principali dei nuovi servizi di eGovernment dell'UE', ha detto Günter Verheugen, commissario europeo per le Imprese e l'industria. 'Per rivitalizzare l'agenda di Lisbona abbiamo bisogno di moderni servizi pubblici che eliminino la burocrazia inutile'. Attualmente le PMI (Piccole e medie imprese) che vogliono creare una filiale in un altro Stato membro devono affrontare innumerevoli e costosissime sfide burocratiche. La conferenza si è dunque concentrata sui modi per approfittare delle possibilità offerte dai bandi pubblici di altri Stati membri e su come ridurre la marea di carta, in modo da migliorare l'efficienza delle procedure commerciali. Le scartoffie amministrative vengono d'altronde considerate una delle maggiori sfide al commercio internazionale. Secondo l'OMC (Organizzazione mondiale del commercio), tra il 6 e il 10% del valore totale del commercio mondiale viene speso per lo scambio di documenti che accompagnano le operazioni. I nuovi servizi di eGovernment dell'UE faciliteranno l'accesso e ridurranno la burocrazia per la libera circolazione di persone, beni e servizi in Europa, afferma un documento presentato alla conferenza. IDABC ('Interoperable Delivery of European eGovernment Services to Public Administrations, Business and Citizens') usa le opportunità offerte dalle TIC (Tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni) per favorire e sostenere l'offerta ai cittadini e alle industrie dell'UE di servizi transfrontalieri del settore pubblico, e per migliorare l'efficienza e la collaborazione tra le amministrazioni pubbliche europee. IDABC fornisce servizi che permettono alle amministrazioni nazionali ed europee di comunicare elettronicamente, e offre servizi pubblici moderni a uomini d'affari e cittadini in Europa. Il programma finanzia anche progetti che si occupano delle esigenze di politica europea e migliorano la cooperazione tra le amministrazioni dell'Unione.