Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Industrie farmaceutica e biotecnologica più promettenti nei nuovi Stati membri, afferma un rapporto

Le industrie farmaceutica e biotecnologica dei nuovi paesi dell'UE stanno crescendo rapidamente e presentano notevoli potenzialità: è questo il verdetto emesso da un nuovo rapporto. Il rapporto di Frost & Sullivan mostra che mentre il mercato farmaceutico dell'ex UE a 15 ave...

Le industrie farmaceutica e biotecnologica dei nuovi paesi dell'UE stanno crescendo rapidamente e presentano notevoli potenzialità: è questo il verdetto emesso da un nuovo rapporto. Il rapporto di Frost & Sullivan mostra che mentre il mercato farmaceutico dell'ex UE a 15 aveva una crescita dell'8% all'anno, nell'UE allargata la crescita è stata del 16,5% sugli ultimi cinque anni. Pur riconoscendo che questo dato offre 'entusiasmanti opportunità di crescita alle aziende farmaceutiche e biotecnologiche', il rapporto segnala che le importazioni parallele restano un problema. L'industria sanitaria dell'UE è la seconda in ordine di grandezza dopo quella americana. Valutato circa 5,3 miliardi di euro, il mercato farmaceutico di Cipro, Repubblica ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Slovacchia e Slovenia rappresenta all'incirca l'8% del mercato dell'UE a 15. Secondo il rapporto, Polonia e Ungheria, che contribuiscono rispettivamente con il 45 e il 23% al valore del mercato farmaceutico dei paesi di nuova adesione, hanno registrato una crescita di quasi il 20% dal 1998. Nella loro qualità di nuovi paesi dell'UE, si prevede che dovranno fare notevoli investimenti sul lungo termine per introdurre cambiamenti sostenibili nei loro sistemi sanitari per soddisfare gli standard normativi comunitari, per cui le previsioni di crescita nella regione dovrebbero diventare significative. 'Grazie al doppio vantaggio dei bassi costi e della facilità di reclutamento di pazienti, i 'nuovi' EU offrono anche una latitudine incredibile per la conduzione di trial clinici. Le grandi multinazionali farmaceutiche e biotecnologiche dell'Europa orientale e americane stanno già conducendo trial clinici su malattie rare e su quelle rilevanti per i grandi mercati mondiali', nota il rapporto di Frost & Sullivan. 'La coordinazione e il rapido completamento dei trial clinici nei nuovi UE sono stati agevolati dalla presenza di popolazioni di pazienti facilmente accessibili, vaste e relativamente digiune di farmaci, oltre che di sistemi sanitari più strutturati. Un vantaggio supplementare è stata la disponibilità di ricercatori altamente qualificati, con una scala di salari inferiore a quella dei loro omologhi occidentali', prosegue il rapporto. Inoltre, afferma il rapporto, con retribuzioni orarie nei paesi dell'Europa orientale che ammontano a un quarto di quelle dei paesi occidentali, le aziende farmaceutiche hanno potuto evitare il loro costo unico più importante: quello del ritardo nell'immissione di un farmaco sul mercato. La cosa assume un significato particolare se si pensa che i ritardi spesso comportano perdite giornaliere anche di 750.000 euro. Uno degli autori del rapporto, il Dr Raju Adhikari, ha così risposto alla domanda di identificare i segmenti di crescita potenziale nei nuovi mercati dell'UE: 'La quota di mercato dei farmaci contro le malattie infettive è in declino, e in questo rispecchia il peso delle malattie in Occidente che sta cambiando, mentre le categorie delle malattie cardiovascolari, del sistema nervoso centrale e metaboliche sono in ascesa. Esistono anche grandi opportunità di crescita per l'asma e l'oncologia, e le aziende con prodotti in queste diverse aree dovrebbero ottenere maggiori successi nei 'nuovi' mercati dell'UE'. Tuttavia, afferma il rapporto, pur se i nuovi paesi dell'UE offrono prospettive entusiasmanti alle aziende biofarmaceutiche e biotecnologiche, il commercio parallelo resta per ora un'importante preoccupazione. Si stima attualmente che questo abbia un valore di 2,8 miliardi di euro, e che dovrebbe durare per almeno altri cinque anni. Il commercio dovrebbe scemare quando le differenze di prezzo si saranno sufficientemente ristrette nell'UE a 25.

Paesi

Cipro, Cechia, Estonia, Ungheria, Lituania, Lettonia, Malta, Polonia, Slovenia, Slovacchia