Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Il Regno Unito delinea le strategie tecnologiche a medio termine

Attualmente il Regno Unito è impegnato nella messa a punto di "piattaforme dell'innovazione" in settori definiti in una recente relazione come fondamentali per consolidare la posizione del paese sul fronte internazionale. Sono già state istituite due piattaforme pilota nei s...

Attualmente il Regno Unito è impegnato nella messa a punto di "piattaforme dell'innovazione" in settori definiti in una recente relazione come fondamentali per consolidare la posizione del paese sul fronte internazionale. Sono già state istituite due piattaforme pilota nei settori dei sistemi e servizi di trasporto intelligente e nel campo della sicurezza delle reti. Analogamente alle piattaforme tecnologiche europee, esse riuniscono le imprese, i ricercatori e i governi. Le piattaforme dell'innovazione sono al centro della Strategia tecnologica britannica, pubblicata il 26 aprile. Il documento presenta in linea generale le conclusioni iniziali del Consiglio di strategia tecnologica (Technology Strategy Board, TSB) per quanto riguarda sette aree tecnologiche prioritarie individuate nel 2005 e altre strategie a medio termine. Le aree prioritarie sono le seguenti: - materiali avanzati; - bioscienze e assistenza sanitaria; - ingegneria progettuale e fabbricazione avanzata; - elettronica e fotonica; - tecnologie emergenti nel settore dell'energia; - tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC); - produzione e consumo sostenibili. "Il governo si impegna fermamente a investire nel futuro del Regno Unito", ha dichiarato il ministro britannico per la Scienza e l'innovazione, Lord Sainsbury. "Le strategie a medio termine offrono una visione del futuro necessaria per orientare i continui investimenti del governo in tecnologie di punta che sosterranno la crescita aziendale. Le strategie, inoltre, sono incentrate sulle priorità specifiche delle aziende relative alle future sfide della concorrenza". Nell'ambito dei materiali avanzati, il TSB ha individuato due priorità: i materiali necessari per sostenere gli sviluppi nell'approvvigionamento e nella distribuzione dell'energia e i materiali per la rivelazione mediante sensori e la diagnostica. La relazione raccomanda inoltre l'istituzione di una rete dedicata ai materiali avanzati. Nell'ambito dell'ingegneria progettuale e della fabbricazione avanzata, il TSB sottolinea l'importanza della progettazione, della simulazione e della modellazione, dichiarando: "Per restare competitive a livello mondiale, le imprese britanniche devono collaborare con la base di ricerca universitaria per garantire lo sviluppo delle tecniche di fabbricazione avanzata. Tra queste figurano il controllo intelligente dei processi, le tecnologie avanzate di giunzione e lo sviluppo di superfici speciali e di altre proprietà con l'ausilio delle nanotecnologie". Il potenziale sempre più elevato dei settori dell'elettronica e della fotonica è insito nella domanda di componenti sempre più piccoli dotati di funzionalità più avanzate. Stando alla relazione, i punti di forza del Regno Unito nel campo dell'informatica di griglia e ad alte prestazioni offrono opportunità di utilizzo nei seguenti settori: aerospaziale, assistenza sanitaria, logistica dei trasporti e servizi finanziari. Per quanto riguarda la produzione e il consumo sostenibili, il TSB ha individuato quattro aree principali nelle quali il Regno Unito sarebbe in grado di trarre vantaggio dalla crescita dei mercati mondiali: rendimento energetico, efficienza delle risorse e gestione dei rifiuti, tecnologie atte a promuovere una catena alimentare sostenibile e tecnologie del settore idrico. In tutti i settori gli autori hanno evidenziato la necessità di un approccio più olistico, tra cui l'elaborazione di norme e lo sviluppo della metrologia. "Ciò favorirà un clima di fiducia nei confronti delle prestazioni delle nuove tecnologie, ampliando la loro applicazione e accelerandone l'adozione", affermano gli autori della relazione. Il TSB auspica che la Strategia tecnologica non solo faccia del Regno Unito un paese più interessante per le imprese internazionali che intendono delocalizzarsi, ma promuova anche la cooperazione internazionale accrescendo la partecipazione britannica ai programmi di ricerca dell'UE. "Uno degli obiettivi principali consiste nel garantire che le organizzazioni britanniche siano in grado di sfruttare la rete e il sostegno attraverso la Strategia tecnologica che funge da trampolino di lancio verso una collaborazione europea più vasta [attraverso il Settimo programma quadro (7PQ)]". Il TSB ha invitato le aziende del Regno Unito a presentare le proprie osservazioni sul documento, in modo tale da poter utilizzare i contributi per modellare le strategie tecnologiche nel corso della loro elaborazione.