Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Neuroni: trasformatori sotto false spoglie

I neuroni, le cellule del sistema nervoso centrale (SNC) il cui danneggiamento può provocare malattie neurodegenerative, sarebbero in grado di regolare il sistema immunitario e arrestare la loro stessa distruzione, secondo quanto rivelato da un recente studio condotto da alcun...

I neuroni, le cellule del sistema nervoso centrale (SNC) il cui danneggiamento può provocare malattie neurodegenerative, sarebbero in grado di regolare il sistema immunitario e arrestare la loro stessa distruzione, secondo quanto rivelato da un recente studio condotto da alcuni scienziati svedesi. Prima si pensava che i neuroni non svolgessero alcun ruolo nella regolazione del sistema immunitario nel cervello, poiché non producono molecole coinvolte in tale processo. "Ora possiamo dimostrare che i neuroni motori sono in grado di regolare attivamente la risposta immunitaria e svolgono quindi un ruolo fondamentale nella prevenzione delle infiammazioni del SNC" ha dichiarato il professore associato Shohreh Issazadeh-Navikas della Lund University. Noti anche come cellule nervose, sebbene si tratti di una denominazione inesatta in quanto non formano i nervi, i neuroni si trovano nel cervello e la loro funzione consiste nell'emettere e ricevere segnali elettrici da e verso le diverse parti del corpo e nel controllare tutte le funzioni negli esseri umani e negli animali. I neuroni sono di diversi tipi, classificati in base alla direzione nella quale inviano le informazioni. Lo studio dimostra che i neuroni non solo fungono da trasmettitori ma possono anche trasformare le cellule T nocive che entrano nel cervello durante un'infezione virale o in seguito a un danno meccanico al SNC e provocano malattie infiammatorie e autoimmuni quali la sclerosi multipla. Benché le cause di alcune malattie neurodegenerative quali il morbo di Alzheimer non siano ancora del tutto note, gli scienziati ritengono che un'infiammazione del cervello possa costituire uno dei fattori scatenanti della malattia. La ricerca si basa su precedenti osservazioni eseguite da Shohreh Issazadeh-Navikas che hanno dimostrato che i neuroni secernono alcune proteine immunitarie che potrebbero combattere tali malattie. Secondo il professore, i risultati dello studio potrebbero condurre ad approcci terapeutici innovativi per le malattie infiammatorie e neurodegenerative.

Paesi

Svezia

Articoli correlati