Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Esperti dell'EFSA affermano che i vaccini contro l'influenza aviaria sono sicuri

I programmi di vaccinazione che impiegano i farmaci attualmente disponibili sul mercato stanno fornendo mezzi sicuri ed efficaci per proteggere il pollame domestico da epidemie di ceppi di influenza aviaria (H5N1) altamente patogeni, secondo l'ultimo parere scientifico che sar...

I programmi di vaccinazione che impiegano i farmaci attualmente disponibili sul mercato stanno fornendo mezzi sicuri ed efficaci per proteggere il pollame domestico da epidemie di ceppi di influenza aviaria (H5N1) altamente patogeni, secondo l'ultimo parere scientifico che sarà pubblicato dall'Autorità per la sicurezza alimentare (EFSA). Da quando è apparsa l'influenza aviaria H5N1 nel sud-est asiatico e da quando si è diffusa verso ovest, i metodi di prevenzione e di controllo sono stati oggetto di un crescente studio. Diverse misure di controllo sono attualmente in atto in Europa, come il controllo dei movimenti degli animali e degli esseri umani nelle aziende agricole. Queste ultime sono considerate come la prima linea di protezione contro l'introduzione e la diffusione della malattia tra il pollame, in particolare polli e anatre. Si ritiene inoltre che queste misure riducano il rischio di reintroduzione della malattia tra gli uccelli selvatici attraverso il pollame domestico. Se gli uccelli si infettano, vengono adottate misure per estirpare o abbattere gli stormi infetti. Tuttavia, più nuovi sviluppi scientifici e nuovi dati sulla vaccinazione diventano disponibili, più la vaccinazione acquista importanza come strumento complementare di controllo e di prevenzione della diffusione della malattia. Nel suo ultimo parere scientifico, l'EFSA ha esaminato i più recenti vaccini approvati dal mercato contro i ceppi H5 e H7 della malattia nel pollame e in altri uccelli selvatici, nonché i metodi di prova di laboratorio utilizzati per la sorveglianza del pollame vaccinato. Il parere scientifico ha concluso che gli attuali vaccini autorizzati dall'UE per il pollame, come polli e anatre, risultano conformi agli standard qualitativi pertinenti e possono quindi essere usati in modo sicuro ed efficace. Tuttavia, per altre specie di pollame e uccelli selvatici, l'EFSA ha osservato che il livello di efficacia degli attuali vaccini per l'influenza aviaria non è del tutto chiaro. Pertanto, dovranno essere prodotti altri dati sull'immunogeneticità e sull'efficacia dei vaccini attuali e futuri . In termini di potenziale impatto dei vaccini animali sulla salute umana, l'EFSA afferma che l'impiego di vaccini autorizzati è sicuro e non ha effetti nocivi sui prodotti avicoli per i consumatori. Inoltre, secondo l'EFSA e i rappresentanti del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), se in futuro i focolai H5/H7 dovessero diventare endemici nelle regioni dell'UE, come lo sono attualmente in alcune parti dell'Asia, la vaccinazione del pollame domestico potrebbe anche ridurre la possibilità di casi di infezione negli esseri umani e in altri animali. Il parere scientifico è stato richiesto dalla Commissione europea e i suoi risultati verranno impiegati per l'ulteriore sviluppo di una politica comunitaria di vaccinazione contro l'influenza aviaria.