Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

La Slovenia assume la presidenza di EUREKA

Il 1° luglio la Slovenia subentrerà alla guida di EUREKA, la rete europea per la ricerca guidata dal mercato, attualmente presieduta dall'Italia. Tra le sue priorità figurano l'ulteriore rafforzamento della posizione della rete all'interno dello Spazio europeo della ricerca (S...

Il 1° luglio la Slovenia subentrerà alla guida di EUREKA, la rete europea per la ricerca guidata dal mercato, attualmente presieduta dall'Italia. Tra le sue priorità figurano l'ulteriore rafforzamento della posizione della rete all'interno dello Spazio europeo della ricerca (SER), l'estensione della rete ai Balcani occidentali e un migliore sostegno alle piccole e medie imprese (PMI) che conducono attività di ricerca. È la prima volta che la Slovenia assume la presidenza di EUREKA e tale evento si verifica in un momento opportuno. «Il nostro obiettivo è unire i vantaggi della presidenza EUREKA e della presidenza slovena dell'UE (a partire da gennaio 2008) insieme alla cooperazione con la rete EUREKA e la Commissione europea, per dare un contributo significativo alle politiche di ricerca europee», ha dichiarato Ales Mihelic, che guiderà l'équipe della presidenza slovena di EUREKA. L'evento probabilmente più importante nel corso della presidenza slovena sarà il lancio di Eurostars, il primo programma europeo di finanziamento e sostegno, mirato specificamente alle PMI che dedicano il 10% o una percentuale più alta del proprio fatturato alle attività di ricerca. Questo ambizioso programma intende stimolare le PMI a condurre progetti di ricerca collaborativa e d'innovazione a livello internazionale, agevolando l'accesso ai sostegni e ai finanziamenti. La Commissione europea ha proposto di convertire il programma in un'«iniziativa disciplinata dall'articolo 169», affinché possa beneficiare del sostegno comunitario. Il ruolo di EUREKA sotto la presidenza slovena sarà inoltre quello di contribuire ulteriormente a delineare il SER, soprattutto nel settore della ricerca industriale, nel quale essa vanta una provata esperienza e una vasta rete di contatti. Questa è stata una priorità anche durante la presidenza italiana e, secondo il presidente uscente Fabio Pistella, in quel periodo, la rete ha assunto un ruolo guida nel far sì che il SER passasse «dalle parole alle azioni, specialmente nel settore del sostegno e dei finanziamenti per le attività di ricerca vicine al mercato». La partecipazione della rete alle discussioni con la Commissione sulle iniziative tecnologiche congiunte (ITC) proposte, testimonia il ruolo importante svolto dalla rete nella ricerca industriale europea. ARTEMIS, una delle prime due ITC proposte, incentrata sui sistemi informatici integrati, coinvolge i cluster EUREKA ITEA 2 e MEDEA+. La Slovenia prevede inoltre di estendere la cooperazione della rete con i rappresentanti della ricerca industriale nei Balcani occidentali. L'ex Repubblica iugoslava di Macedonia, la Bosnia-Erzegovina e il Montenegro sono già membri di EUREKA e si auspica che nella regione il numero dei membri aumenti ulteriormente. Altre priorità elencate dalla Slovenia comprendono una nuova strategia di comunicazione volta a promuovere i risultati dei progetti EUREKA, nonché una nuova strategia sul futuro della rete.

Paesi

Slovenia