Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Europei lanciano a Bruxelles la ITC Celle a combustibile e idrogeno

Durante un evento tenutosi il 14 ottobre a Bruxelles, in Belgio, rappresentanti dell'industria, della comunità di ricerca e delle istituzioni europee hanno lanciato l'Iniziativa tecnologica congiunta (ITC) Celle a combustibile e idrogeno, del valore di 1 Mld EUR. "Questo è u...

Durante un evento tenutosi il 14 ottobre a Bruxelles, in Belgio, rappresentanti dell'industria, della comunità di ricerca e delle istituzioni europee hanno lanciato l'Iniziativa tecnologica congiunta (ITC) Celle a combustibile e idrogeno, del valore di 1 Mld EUR. "Questo è un momento significativo per l'industria dell'idrogeno e delle celle a combustibile," ha affermato il prof. Herbert Kohler, vicepresidente di Veicoli e motopropulsori alla Daimler, aggiungendo che il lancio della ITC ha rappresentato la conclusione di molti anni di lavoro da parte di molte persone in vari settori. Nel corso dei prossimi sei anni, la Commissione e l'industria investiranno entrambe quasi 500 Mio EUR nell'iniziativa, allo scopo di accelerare lo sviluppo delle tecnologie riguardanti l'idrogeno e le celle a combustibile e di portare queste tecnologie sul mercato entro il 2020. Si stima che le attività della ITC ridurranno il tempo necessario a portare queste tecnologie sul mercato da un minimo di due a un massimo di cinque anni. La nuova ITC riunisce oltre 60 aziende private, comprese piccole e medie imprese (PMI) e grandi multinazionali, assieme ai principali gruppi di ricerca sull'energia di tutta l'Europa. "Questo è il modo più intelligente di lavorare insieme, muovendosi nella stessa direzione verso un obbiettivo condiviso," ha detto il prof. Kohler. La ITC è stata creata come un'impresa comune in base all'articolo 171 del Trattato CE. Il suo lavoro sarà supervisionato da un comitato direttivo che comprende rappresentanti della ricerca, dell'industria e della Commissione. Un direttore esecutivo e un ufficio del programma gestiranno la conduzione quotidiana dell'organizzazione. Ulteriori input proverranno da tre comitati consultivi. "L'Iniziativa tecnologica congiunta Celle a combustibile e idrogeno rappresenta il miglior veicolo possibile per accelerare lo sviluppo di tecnologie e portare avanti la commercializzazione delle celle a combustibile e dell'idrogeno," ha aggiunto Gijs van Breda Vriesman, presidente del consiglio direttivo dell'impresa comune. "Al fine di preparare il mercato per queste tecnologie strategiche è necessario garantire la cooperazione di tutte le parti interessate: non solo è necessario che i settori industriali pertinenti sviluppino la catena di distribuzione, ma è anche fondamentale garantire la cooperazione tra ricerca, industria e governo, a livello regionale, nazionale ed europeo." La ITC concentrerà i suoi sforzi su quattro aree principali: infrastrutture per il trasporto e il rifornimento di idrogeno; produzione e distribuzione dell'idrogeno; generazione stazionaria di energia, e energia e calore combinati (CHP); mercati iniziali (prodotti relativi alle celle a combustibile che sono quasi pronti per la commercializzazione). Il primo invito a presentare proposte della ITC, che ha un bilancio di 28,1 Mio EUR, è già stato lanciato. "Investendo in questi progetti scientifici orientati ai risultati, noi stiamo investendo denaro in qualcosa in cui crediamo: lo sviluppo di nuove tecnologie energetiche è fondamentale se vogliamo rispettare gli obbiettivi UE per affrontare i cambiamenti climatici e le sfide energetiche," ha commentato Janez Potocnik, commissario UE per la Scienza e la ricerca. "Questa ITC raggruppa gli attori più importanti per portare l'Europa in testa alla competizione riguardate le nuove tecnologie energetiche. Io spero che questo avrà un effetto a valanga in altre aree strategiche della ricerca." Il Consiglio dei ministri dell'UE ha dato il via libera alla creazione della ITC Celle a combustibile e idrogeno alla fine di maggio 2008. Le altre ITC create finora si concentrano su medicinali innovativi (IMI), sistemi informatici incorporati (ARTEMIS), nanoelettronica (ENIAC) e aeronautica e trasporto aereo (Clean Sky).

Articoli correlati