Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Una dieta ricca di isoflavone può aiutare i pazienti con ictus

Un nuovo studio potrebbe portare un raggio di speranza per chi è stato vittima di un ictus. I ricercatori dicono che un supplemento dietetico a base di isoflavone può dare una spinta al funzionamento delle arterie dei malati. Secondo le fonti questo recente lavoro è probabilme...

Un nuovo studio potrebbe portare un raggio di speranza per chi è stato vittima di un ictus. I ricercatori dicono che un supplemento dietetico a base di isoflavone può dare una spinta al funzionamento delle arterie dei malati. Secondo le fonti questo recente lavoro è probabilmente il primo esperimento randomizzato controllato che valuta come un supplemento di isoflavone agisce sull'arteria brachiale. I risultati sono stati recentemente pubblicati sull'European Heart Journal. I ricercatori, diretti da Hung-Fat Tse, professore di cardiologia e capo accademico dell'Unità di cardiologia del Dipartimento di medicina, Queen Mary Hospital, Università di Hong Kong, hanno scoperto che i pazienti cui sono state somministrate dosi giornaliere di un supplemento di isoflavone (80mg) per un periodo di 12 settimane, hanno mostrato grandi miglioramenti nella dilatazione flusso-mediata (FMD - Flow-mediated dilation) dell'arteria brachiale (l'arteria principale del braccio). La FMD è una misura della disfunzione endoteliale usata per valutare il rischio cardiovascolare, dicono gli esperti. La FMD brachiale è un indicatore di come si comportano le cellule che ricoprono le superfici più interne dei vasi sanguigni (cioè l'endotelio vascolare). Secondo il team di ricerca, la causa scatenante delle malattie cardiovascolari potrebbe essere una disfunzione endoteliale. In questo studio, i ricercatori hanno scoperto che un supplemento di isoflavone ha aiutato a ridurre la disfunzione endoteliale vascolare in pazienti che erano stati vittima di un ictus ischemico. I ricercatori hanno condotto un test in doppio cieco, controllato verso placebo. Il supplemento di isoflavone è stato dato a 50 pazienti, mentre il placebo è stato somministrato a 52 pazienti. La FMD, hanno detto i ricercatori, è stata misurata con gli ultrasuoni per registrare il funzionamento dell'arteria brachiale quando il flusso sanguigno ritornava alla normalità dopo che lacci emostatici pneumatici messi sulle braccia dei pazienti erano stati gonfiati e poi sgonfiati. La percentuale di cambiamento nel diametro dell'arteria brachiale tra la linea di riferimento (cioè le dimensioni normali) e un minuto dopo lo sgonfiamento del laccio emostatico determinava la FMD, hanno detto. Il team di ricerca ha registrato un deterioramento della FMD di meno di 3,7% nell'80% dei pazienti esaminati all'inizio dello studio, ma l'esperimento, durato 12 settimane, ha mostrato un miglioramento dell'1% nel gruppo trattato con isoflavone rispetto al gruppo di controllo. "I risultati potrebbero avere importanti implicazioni per l'uso dell'isoflavone nella prevenzione secondaria in pazienti di malattie cardiovascolari, in aggiunta ai trattamenti convenzionali," hanno scritto i ricercatori nel loro studio. "L'effetto dell'isoflavone nel nostro studio è stato paragonabile a cambiamenti delle abitudini di vita comprendenti esercizio fisico o interventi farmacologici a base di terapia con statine." Da parte sua, il professor Tse ha detto: "Sebbene l'aumento reale del diametro brachiale (1%) sia poco, l'aumento relativo ammonta in effetti a circa il 50% perché la media aritmetica di FMD in questi pazienti vittime di ictus era circa il 2%. Infatti, in pazienti con serie disfunzioni endoteliali, potrebbe non esserci alcuna dilatazione del diametro brachiale." I ricercatori hanno anche sottolineato che i pazienti con una più bassa FMD iniziale e che hanno ricevuto il supplemento di isoflavone hanno risposto con un più alto aumento reale della FMD rispetto ai pazienti che avevano una migliore valore di FMD di partenza. "Questi risultati suggeriscono che l'isoflavone contrasta la disfunzione endoteliale in questo gruppo di pazienti che soffrono di malattie cardiovascolari," ha detto. "Questo ha importanti implicazioni cliniche, visto che i pazienti che traggono maggior beneficio dal trattamento sono quelli con maggiori rischi cardiovascolari, e questo effetto si mantiene anche a questo stadio, relativamente avanzato, del continuum cardiovascolare." I ricercatori devono ancora comprendere completamente i meccanismi attraverso i quali l'isoflavone provochi questi cambiamenti nella FMD. Sebbene non sia ancora chiaro come i supplementi di isoflavone possano essere usati clinicamente, questo studio ha mostrato che il rischio cardiovascolare potrebbe scendere se i pazienti che hanno avuto un ictus ischemico seguissero una dieta con un maggiore apporto di isoflavone. "Una dieta bilanciata è comunque la priorità maggiore per la salute," ha detto il professor Tse.

Articoli correlati