Skip to main content

Article Category

Intervista

Article available in the folowing languages:

UE e Cina rafforzano la loro cooperazione nella ricerca agricola

Secondo i rappresentanti della direzione "Biotecnologie, agricoltura e alimentazione" della direzione generale della Ricerca della Commissione europea (DG Ricerca) e dell'Accademia cinese delle scienze agricole (CAAS), l'Ue e la Cina stanno tentando di rafforzare i loro legami...

Secondo i rappresentanti della direzione "Biotecnologie, agricoltura e alimentazione" della direzione generale della Ricerca della Commissione europea (DG Ricerca) e dell'Accademia cinese delle scienze agricole (CAAS), l'Ue e la Cina stanno tentando di rafforzare i loro legami nel campo della ricerca agricola. I partner cinesi sono coinvolti da molto tempo nei progetti di ricerca agricola finanziati dall'UE; 25 progetti finanziati nell'ambito dell'area tematica "Qualità e sicurezza alimentare" del Sesto programma quadro (6°PQ) comprendono partner cinesi e i ricercatori cinesi sono anche coinvolti in un numero crescente di progetti del Settimo programma quadro (7°PQ). La Commissione europea ora si prefigge di promuovere una più intensa cooperazione con la Cina nel campo della ricerca agricola e sta discutendo con il CAAS il modo migliore per farlo. Nurtrire l'immensa popolazione cinese rappresenta un'enorme sfida; inoltre, anche se la popolazione continua a crescere, crescono anche gli standard di vita e gli agricoltori del paese si ritrovano ad affrontare una pressione crescente per cercare di ridurre l'impatto ambientale delle loro attività. La ricerca riveste un ruolo importante nell'affrontare queste sfide ed ecco dove entra in scena il CAAS. Il CAAS è l'organizzazione nazionale cinese per l'agricoltura e è affiliata con il ministero dell'agricoltura. "L'Accademia cinese delle scienze agricole è la più grande organizzazione di ricerca agricola in Cina," ha detto il dott. Huqu Zhai, presidente del CAAS, al notiziario CORDIS durante un suo recente viaggio in Europa. "Il nostro organico è costituito di 11.000 unità, di cui più di 6.000 sono ricercatori, e possediamo 40 istituti di ricerca che coprono tutti i settori agricoli, tranne la persca e le foreste." Il CAAS è anche molto impegnato nel settore dell'istruzione e nelle sue scuole sono iscritti circa 3.000 dottorandi e specializzandi. L'organizzazione lavora a stretto contatto con gli agricoltori cinesi; Gli scienziati del CAAS compiono visite regolari alle fattorie per, ad esempio, insegnare agli agricoltori le nuove tecniche agricole e fornire le ultime varietà di raccolti. L'organizzazione lavora ampiamente con i partner internazionali, sia tramite il CGIAR (Consultative Group on International Agricultural Research) che attraverso i progetti di ricerca bilaterale. Secondo il dott. Timothy Hall, direttore delegato della direzione "Biotecnologie, agricoltura e alimentazione" della DG Ricerca della Commissione europea, la Commissione è particolarmente interessata nella collaborazione con la Cina in tre settori importanti: salute e malattie animali (soprattutto le malattie trasmissibili come l'influenza aviaria); migliorare la resistenza delle piante da coltivazione verso fattori come la siccità, la salinità e il calore; e la sicurezza alimentare. La forma esatta della cooperazione UE-Cina in materia di ricerca agricola sarà discussa negli incontri futuri, ma essa prenderà probabilmente il via con un meccanismo relativamente semplice come i progetti di gemellaggio amministrativo (twinning projects). La direzione "Biotecnologie, agricoltura e alimentazione" della DG Ricerca della Commissione europea promuove la cooperazione internazionale della ricerca con una varietà di paesi adottando diversi metodi. Sono stati lanciati inviti a presentare proposte congiunti su determinati argomenti chiave, insieme alle autorità preposte in Russia e in India. Indicazioni iniziali mostrano che queste iniziative riscuotono l'interesse dei ricercatori. Tuttavia, mettere su questi inviti congiunti è un procedimento estremamente lungo per ambedue le parti. Una forma più "leggera" è rappresentata dai progetti di gemellaggio amministrativo. In questo caso l'UE e l'organizzazione di finanziamento della ricerca nel rispettivo paese gestiscono i propri inviti a presentare proposte. I progetti selezionati sono poi confrontati e se ne risultano due simili, i ricercatori coinvolti sono incoraggiati a collaborare per condividere le conoscenze e le idee, e a procedere verso una ulteriore cooperazione. La direzione "Biotecnologie, agricoltura e alimentazione" attualmente sta applicando un simile schema con il programma ABIP (Canada's Agricultural Bioproducts Innovation Program - Programma canadese per l'innovazione dei prodotti agricoli biologici).

Paesi

Cina

Articoli correlati