Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

L'UE e il Giappone lavoreranno fianco a fianco per la ricerca sull'energia

La Commissione Europea e il Giappone hanno deciso di rafforzare la loro collaborazione per la ricerca sull'energia. Le principali aree su cui si concentrerà la collaborazione sono il fotovoltaico, l'accumulazione di energia e la raccolta e conservazione del carbonio (CCS). In ...

La Commissione Europea e il Giappone hanno deciso di rafforzare la loro collaborazione per la ricerca sull'energia. Le principali aree su cui si concentrerà la collaborazione sono il fotovoltaico, l'accumulazione di energia e la raccolta e conservazione del carbonio (CCS). In seguito all'esperienza del nuovo Partenariato europeo pubblico-privato su pile e idrogeno, entrambe le parti hanno convenuto che in futuro le pile a combustibile e l'idrogeno dovrebbero costituire un'ulteriore area di cooperazione tramite un workshop tenuto da esperti del settore da organizzare congiuntamente. La collaborazione è stata concordata in seguito ad un workshop comune a Tokyo di una delegazione delle alte cariche della direzione generale della Ricerca della Commissione europea insieme al ministero dell'Economia, del commercio e dell'industria giapponese e la New Energy and Industrial Technology Development Organization (NEDO) del Giappone tenutosi a Marzo. L'evento era parte dell'Accordo di cooperazione scientifica e tecnologica UE-Giappone recentemente annunciato. Entrambe le parti hanno sottolineato: "La cooperazione tra l'UE e il Giappone nel campo della ricerca sull'energia è di reciproco beneficio nel sostegno ad entrambi le parti per far fronte alle attuali sfide energetiche globali." Il dialogo politico sull'energia e sui cambiamenti climatici dovrebbe - hanno concordato - comprendere sistematicamente questioni di ricerca e sviluppo. Il direttore per l'Energia presso la direzione generale europea della Ricerca, Raffaele Liberali, ha concordato con il capo della delegazione giapponese, Kazuhiko Hombu, direttore generale per le Risorse naturali e l'energia, di rafforzare la collaborazione: "Avremo più scambi in molti campi della ricerca sull'energia." Il risultato sarà un nuovo piano d'azione che comprenderà un maggiore scambio di informazioni, scienziati, manager e revisori e più workshop congiunti su specifici sub-argomenti concordati. Entrambe le parti hanno inoltre sottolineato il potenziale del gemellaggio di progetti quali l'accumulazione di energia e il CCS, e possibili progetti di ricerca congiunti su celle solari ad alta efficienza. I delegati della Commissione hanno espresso il loro supporto per la maggiore partecipazione del Giappone al Settimo programma quadro (7°PQ) di ricerca dell'UE. Entrambe le parti rafforzeranno anche la cooperazione congiunta con altre importanti economie emergenti come Cina e India. Incontri di follow-up si terranno _regolarmente per valutare i progressi fatti nell'attuazione della cooperazione e per facilitare il suo ulteriore sviluppo. Il prossimo incontro congiunto avrà luogo in Europa prima della fine dell'anno. Per ridurre drasticamente le emissioni di biossido di carbonio (CO2) del mondo a lungo termine, è assolutamente necessario sviluppare tecnologie energetiche innovative. Il Giappone ha sviluppato il Cool Earth - Innovative Energy Technology Programme e la Commissione europea ha sviluppato il piano strategico europeo per le tecnologie energetiche (SET) per promuovere attivamente lo sviluppo di queste tecnologie energetiche. L'UE e il Giappone, in quanto leader mondiali in questo campo, sono consapevoli dell'importanza della loro cooperazione. A giugno 2008, l'ex ministro dell'Economia, del commercio e dell'industria giapponese, Akira Amari, e il commissario europeo per la Ricerca, Janez Potocnik, hanno concordato di promuovere la cooperazione tra l'UE e il Giappone su ricerca e sviluppo nel campo dell'energia. Gli argomenti di cooperazione sono: - Fotovoltaico --sistemi fotovoltaici a concentrazione (CPV) e moduli di celle solari ad ultra-alta efficienza; --celle solari a banda intermedia (IBSC) e tecnologia quantum dot; --celle solari a strato sottile multigiunzione ad alta efficienza. - Accumulazione di energia --metodo di analisi e valutazione per rendimento e sicurezza a vita (compresa la standardizzazione); --tecnologia per pile pre-competitiva di prossima generazione (compresa la ricerca sui materiali); --integrazione di accumulo sulla rete. - CCS --sicurezza di trasporto e conservazione del CO2; --percezione pubblica; --standardizzazione e armonizzazione.

Paesi

Giappone

Articoli correlati