Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Scienziati tedeschi battono il record mondiale con un nuovo sistema informatico

Studiosi di informatica in Germania hanno battuto il record del mondo creando un sistema che utilizza una quantità minima di energia per elaborare enormi volumi di dati. Il record è stato registrato nella categoria "JouleSort" del Sort Benchmark, una serie di standard di misur...

Studiosi di informatica in Germania hanno battuto il record del mondo creando un sistema che utilizza una quantità minima di energia per elaborare enormi volumi di dati. Il record è stato registrato nella categoria "JouleSort" del Sort Benchmark, una serie di standard di misurazione definiti, promossi e gestiti per la prima volta dal famoso informatico statunitense Jim Gray nel 1998. Finire al primo posto del Sort Benchmark significa una grande vittoria per i sistemi di elaborazione dati ad alta efficienza. I vincitori della Goethe Universität di Francoforte e del Karlsruher Insitut für Technologie (KIT), in Germania, hanno battuto il record precedentemente detenuto da un team di informatici della Stanford University, negli Stati Uniti. Il lavoro per il sistema a risparmio energetico è stato supervisionato dai professori Ulrich Meyer (Goethe Universität) e Peter Sanders (KIT), e sviluppato dai dottorandi Johannes Singler (KIT) e Andreas Beckmann (Goethe Universität). Per la prova, i ricercatori hanno dovuto ordinare tre quantità di dati di 10 GB (gigabyte), 100 GB e 1 TB (terabyte), ciascuno composto da serie di dati di 100 byte. Per elaborare la più grande quantità di dati di 1 TB (equivalente ad una pila di carta di 10 km di altezza), il team ha utilizzato 0,2 chilowattore di energia (circa quanto necessario per far bollire 2 litri d'acqua). Anziché utilizzare i processori server con requisiti di alta potenza per il loro sistema vincente, la squadra ha scelto un approccio non convenzionale, adottando microprocessori sviluppati in origine per l'hardware dei PC portatili, come ad esempio i processori Intel Atom. Gli scienziati hanno compensato la bassa potenza dei microprocessori utilizzando algoritmi altamente efficienti, e invece di utilizzare i dischi rigidi che consumano quantità significative di energia, hanno usato i Solid State Disk (SSD), che sono super veloci e più efficienti dal punto di vista energetico. "Nel lungo periodo, i sistemi piccoli a basso consumo e collaborativi andranno a sostituire quelli pesanti (finora utilizzati)", ha spiegato il professor Sanders. Riuscire a battere il primato mondiale con un piccolo sistema dimostra quanta energia si potrebbe risparmiare nel settore della tecnologia dell'informazione a livello mondiale. Gli scienziati hanno avviato il progetto di ricerca concentrandosi su uno dei problemi fondamentali della scienza informatica: l'ordinamento dei dati. Ad esempio, un computer connesso a Internet genera grandi volumi di dati, che per essere analizzati, devono essere ordinati secondo un criterio specifico. Ordinare i dati in modo efficiente è essenziale per i motori di ricerca e per le banche dati, e rappresenta quindi una sfida significativa nel campo dell'informatica. Dal 2007 il Sort Benchmark è stato supervisionato da un comitato. Tra i membri del comitato responsabili per questa competizione c'erano Chris Nyberg di Ordinal Technology, Mehul Shah di Hewlett-Packard e Naga Govindaraju di Microsoft.

Paesi

Germania

Articoli correlati