Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Salvare il gatto a testa piatta per salvare il mondo

Specie animali di tutto il mondo trovano rifugio nelle foreste pluviali sparse per il globo. Ma sono innumerevoli le creature in tutto il mondo che subiscono gli effetti dei disordini planetari creati dalle attività umane. Un esempio è il gatto a testa piatta (Prionailurus pla...

Specie animali di tutto il mondo trovano rifugio nelle foreste pluviali sparse per il globo. Ma sono innumerevoli le creature in tutto il mondo che subiscono gli effetti dei disordini planetari creati dalle attività umane. Un esempio è il gatto a testa piatta (Prionailurus planiceps), che è di casa nella foresta pluviale del Sudest asiatico. Una nuova ricerca internazionale mostra che questa regione è stata convertita in piantagioni, rendendola inabitabile per questi gatti. Pubblicati nella rivista Public Library of Science (PLoS) ONE, i risultati dello studio mostrano inoltre che solo il 16% di superficie di foresta pluviale è completamente protetta secondo i criteri dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN). I ricercatori, guidati dal Leibniz-Institut für Zoo- und Wildtierforschung (IZW) di Berlino, in Germania, hanno evidenziato il fatto che solo una piccola parte della regione è tutelata e che, inoltre, i rimanenti habitat sono estremamente frammentati. Il problema principale è che la maggior parte dei grandi parchi nazionali del Sudest asiatico - in particolare nella penisola di Tailandia, Malesia, Borneo e Sumatra - si trovano ad altitudini più elevate, e il gatto a testa piatta vive nelle foreste delle zone costiere pianeggianti e paludose. "Abbiamo raccolto tutte le informazioni frammentate disponibili su questo gatto, che hanno rivelato che questo animale vive principalmente in foreste delle pianure o paludi di torba nei pressi di fonti d'acqua dolce", ha spiegato l'autore principale, il dottor Andreas Wilting dell'IZW. "Con queste informazioni abbiamo sviluppato un modello informatico per prevedere la distribuzione storica e attuale del gatto. Il passo successivo è quello di ottenere ulteriori informazioni sull'ecologia di questa specie poco conosciuta e di far rispettare la protezione e quindi garantire la sostenibilità dei principali habitat forestali rimanenti", ha aggiunto. "A questo scopo abbiamo individuato 19 località principali per tutta la gamma di distribuzione indicata dal nostro modello come importante per la sopravvivenza a lungo termine di questa specie rara". Da un lato, il Sudest asiatico è la patria di molte specie diverse, ma dall'altro, è anche conosciuto per avere il più alto tasso di deforestazione del nostro pianeta. Gli esperti avvertono che la biodiversità può essere protetta se sono tutelati ache gli habitat. Il team di ricerca sta incoraggiando la popolazione a proteggere le pianure e i boschi umidi fortemente minacciati nel Sudest asiatico e sta usando il gatto a testa piatta per spingere la gente all'azione. Il gatto a testa piatta può pesare fino a due chili; la sua particolarità sta nel fatto che utilizza i suoi piedi palmati per catturare pesci e granchi in habitat umidi, come le foreste torbiere sommerse e le rive dei fiumi in varie foreste pluviali tropicali della penisola della Tailandia, Malesia e Indonesia, tra gli altri. Allo studio hanno contribuito ricercatori provenienti da Australia, Danimarca, Germania, Indonesia, Malesia, Regno Unito, Svizzera e Stati Uniti.

Articoli correlati