Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Scienziati scoprono ampie variazioni nel trattamento del tumore al seno

Uno studio internazionale sul trattamento del cancro della mammella, pubblicato sul British Journal of Surgery, ha rivelato che il trattamento di questo tipo di cancro varia notevolmente da paese a paese, nonostante esista un consenso internazionale sulle migliori pratiche. Lo...

Uno studio internazionale sul trattamento del cancro della mammella, pubblicato sul British Journal of Surgery, ha rivelato che il trattamento di questo tipo di cancro varia notevolmente da paese a paese, nonostante esista un consenso internazionale sulle migliori pratiche. Lo studio quinquennale è stato svolto in nove paesi, da ricercatori con sede in Europa, Giappone e Stati Uniti, e ha coinvolto quasi 10.000 donne con tumore della mammella in stadio precoce in Belgio, Francia, Germania, Grecia, Giappone, Irlanda, Paesi Bassi, Regno Unito e Stati Uniti. "L'obiettivo principale della nostra ricerca era quello di realizzare un trial randomizzato internazionale per valutare l'efficacia e la sicurezza del farmaco exemestane nella cura del cancro al seno, impiegato da solo o in seguito alla somministrazione del tamoxifene", ha spiegato uno dei coautori, il professor C. J. H van de Velde del Leiden University Medical Center (LUMC), nei Paesi Bassi. "Tuttavia, dal momento che avevamo raccolto un gran numero di pazienti, abbiamo deciso che fosse un'ottima occasione per indagare su come viene trattato il tumore mammario precoce nelle donne in postmenopausa nei diversi paesi. "I risultati del nostro studio mostrano notevoli differenze tra i vari paesi per quanto riguarda le percentuali di donne sottoposte a chirurgia conservativa del seno (BCS), alla rimozione del seno (mastectomia) e alla radioterapia dopo l'intervento chirurgico", ha detto il professor van de Velde. Quasi il 58% delle donne partecipanti allo studio aveva un tumore al seno T1 (meno di 2 cm), il 37% aveva tumori T2 e il 5% aveva tumori più grandi o in stadio più avanzato T3 e T4. La più alta percentuale di casi nodo-negativi (in cui il tumore non coinvolge i linfonodi) è stata rilevata nei paesi con i tassi più alti di tumori T1 (Germania, Francia e Stati Uniti). Le donne con tumori T1 avevano grandi probabilità di essere sottoposte a BCS, ma le cifre relative a questo trattamento variavano notevolmente. Sebbene i tassi di tumori T1 erano simili in Francia e negli Stati Uniti, in Francia l'89% delle donne con tumori T1 erano trattate con BCS, rispetto a solo il 55% negli Stati Uniti. I linfonodi erano colpiti dalla malattia in circa il 47% delle donne e circa l'82% di queste pazienti sono state sottoposte ad un intervento di asportazione totale dei linfonodi ascellari. Tuttavia, le cifre andavano dal 75% delle pazienti negli Stati Uniti al 99% in Irlanda e nel Regno Unito. Anche i tassi di mastectomia e radioterapia erano molto diversificati. In generale, le donne con tumori T1 avevano maggiori probabilità di essere sottoposte a mastectomia anziché a BCS, anche se in Francia il 42% delle pazienti T1 è stato sottoposto a mastectomia, rispetto al 69% negli Stati Uniti. Il tasso totale di mastectomia per tutti i tipi di tumore al seno era del 44%, con quelli più bassi riscontrati in Francia (19%) e i più alti in Grecia (56%). Nonostante le linee guida internazionali indichino che la radioterapia dovrebbe far parte della BCS, i soli paesi che avevano tassi di trattamento del 100% sono stati il Belgio e la Francia. I più alti tassi di mancato trattamento con radioterapia sono stati rilevati in Irlanda, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti. Circa il 39% delle donne ha ricevuto radioterapia dopo una mastectomia e il 93% dopo la BCS. "Il nostro studio ha mostrato che, nonostante le linee guida terapeutiche internazionali, esistono grandi differenze a livello mondiale nel modo in cui viene trattato il tumore mammario precoce nelle donne in postmenopausa", ha detto il professor van de Velde. "Riteniamo che occorrono ulteriori sforzi per garantire alle donne il trattamento del cancro al seno più efficace a disposizione, a prescindere dal paese in cui vivono".

Paesi

Belgio, Germania, Grecia, Francia, Irlanda, Giappone, Paesi Bassi, Stati Uniti

Articoli correlati