Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

I leader dell'UE si accordano su un piano decennale

L'eco-innovazione, gli sviluppi digitali e le nuove capacità sono gli elementi motori della crescita futura in Europa e il punto focale della strategia Europa 2020 . Formalmente adottato dal Consiglio europeo il 17 giugno del 2010, il piano per i prossimi dieci anni consiste n...

L'eco-innovazione, gli sviluppi digitali e le nuove capacità sono gli elementi motori della crescita futura in Europa e il punto focale della strategia Europa 2020 . Formalmente adottato dal Consiglio europeo il 17 giugno del 2010, il piano per i prossimi dieci anni consiste nel tornare ai principi fondamentali, ovvero finanze nazionali solide capaci di investire in nuovi sviluppi e un'Europa più forte e più ricca. Sviluppato in conseguenza della crisi finanziaria mondiale, i leader dell'UE sperano che il piano Europa 2020 sia la risposta giusta per contrastare gli alti livelli di disoccupazione, la scarsa crescita strutturale e i livelli sostanziali di debito che l'Europa sta affrontando oggi. Il suo successo dipende dal fatto che l'Europa agisca collettivamente e con grande coordinazione. Nel suo discorso conclusivo dell'incontro nel corso del quale il Consiglio europeo ha approvato gli obiettivi della strategia, il Presidente della Commissione europea José Manuel Barroso ha espresso la sua soddisfazione per la decisione unanime presa "non solo sulle linee generali" ma su obiettivi specifici di Europa 2020. I leader dell'UE hanno convenuto che la nuova strategia è un modo di spostare le loro politiche dalla gestione della crisi alla consolidazione fiscale e alla riforma strutturale. Hanno anche concordato di sviluppare obiettivi condivisi per le cinque mete principali della strategia: promuovere l'occupazione; migliorare le condizioni per l'innovazione, la ricerca e lo sviluppo; raggiungere gli obiettivi dell'UE riguardo i cambiamenti climatici e l'energia; migliorare i livelli di istruzione e promuovere l'integrazione sociale in particolare riducendo la povertà. La strategia Europa 2020 riafferma l'obiettivo di dare una spinta alla ricerca e allo sviluppo (R&S) spendendo in Europa dal'1,9% al 3% del prodotto interno lordo (PIL). Un altro obiettivo consiste nel raggiungere il tasso di occupazione del 75% per uomini e donne e nel ridurre le emissioni di gas serra del 20%. Gli Stati membri dell'UE devono agire rapidamente, confrontandosi direttamente con la Commissione europea, per implementare queste priorità politiche e per raggiungere i loro obiettivi nazionali. Questi ultimi saranno sviluppati secondo le posizioni di partenza e le strutture decisionali di ogni paese e i progressi verso tali obiettivi saranno regolarmente controllati. "In Europa e nel resto del mondo, la chiave è la crescita," ha detto il presidente Barroso. "In Europa, la crescita sostenibile e complessiva si deve fondare su finanze solide. La consolidazione fiscale e le riforme strutturale sono essenziali per la crescita. La consolidazione è necessaria per la fiducia e senza fiducia non ci sarà crescita." "E dobbiamo concentrarci sui motori chiave della crescita futura: eco-innovazione, agenda digitale, nuove capacità. È proprio questo che abbiamo messo al primo posto nella nostra strategia Europa 2020," ha aggiunto il presidente Barroso. Come parte della strategia, il Consiglio europeo ha anche approvato la prima iniziativa principale di una agenda digitale per l'Europa. I leader hanno convenuto che l'agenda dovrebbe basarsi su proposte concrete e comprendere la creazione di un singolo mercato digitale funzionale entro il 2015. La Commissione europea è stata invitata a presentare altre iniziative principali entro la fine del 2010 e di riferire sui progressi dell'agenda digitale entro il 2011.

Articoli correlati

Politiche e direttive

31 Maggio 2010