Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

I cani possono contribuire alla cura delle malattie delle unghie, suggerisce uno studio dell'UE

Scienziati in Scandinavia hanno individuato uno dei fattori di rischio genetici alla base della malattia immunotrasmessa onicodistrofia lupoide simmetrica (SLO) che può portare a gravi problemi delle unghie dei cani. I risultati, pubblicati nella rivista Public Library of Scie...

Scienziati in Scandinavia hanno individuato uno dei fattori di rischio genetici alla base della malattia immunotrasmessa onicodistrofia lupoide simmetrica (SLO) che può portare a gravi problemi delle unghie dei cani. I risultati, pubblicati nella rivista Public Library of Science (PLoS) ONE, possono contribuire a migliorare le conoscenze sulle malattie delle unghie simili che colpiscono gli esseri umani. L'UE ha sostenuto la ricerca attraverso il progetto LUPA ("Unravelling the molecular basis of common complex human disorders using the dog as a model system"), che ha ricevuto 12 milioni di euro nell'ambito del tema "Salute" del Settimo programma quadro (7° PQ). I ricercatori dell'Università svedese di scienze agrarie (SLU ), della Scuola norvegese di scienze veterinarie (NVH ) e dell'Università di Uppsala (UU) in Svezia, dicono che la malattia spinge il sistema immunitario a reagire in maniera anomala, il che conduce alla desquamazione delle unghie dal loro letto. Col progredire della malattia, tutte le unghie sono colpite e questo alla fine porta alla distruzione del tessuto sottostante le unghie e la loro deformazione. La malattia è dolorosa e i cani che ne sono colpiti soffrono molto. Mentre la SLO colpisce diverse razze canine, questo nuovo studio si è concentrato su alcune razze che presentano una forte incidenza della malattia, vale a dire il Gordon Setter, il Bearded Collie e il Schnauzer gigante, ha spiegato Maria Wilbe, dottoranda del Dipartimento di zootecnica e genetica del Centro biomedico presso la SLU e primo autore della relazione, che è il risultato di una collaborazione tra genetisti e veterinari. I fattori di rischio genetici individuati sono geni nella regione del complesso maggiore di istocompatibilità (MHC) classe II che codifica le proteine che controllano la risposta immunitaria. Questi geni hanno dimostrato di essere importanti fattori di rischio genetici per le diverse malattie autoimmuni in entrambi i cani e gli esseri umani. Quando il sistema immunitario si attiva, le proteine MHC determinano le molecole verso cui l'attacco dovrebbe essere diretto. Nell'autoimmunità, le proteine MHC erroneamente riconoscono le molecole del proprio organismo e provocano la distruzione dei tessuti e degli organi del proprio corpo. Tali disturbi possono, in alcuni casi, causare lo sviluppo di malattie autoimmuni, come la SLO. "Abbiamo in precedenza dimostrato che MHC di classe II è un fattore di rischio genetico per alcune altre malattie autoimmuni nei cani", ha detto la Wilbe. "In questo studio abbiamo identificato un tipo di MHC classe II protettivo e un altro che porta a maggiore rischio per il disturbo delle unghie". Un maggiore rischio per lo sviluppo SLO è stata trovata nei cani Gordon Setter che avevano ereditato il tipo di rischio della classe MHC II da entrambi i genitori. Nei cani che avevano ereditato le due varianti da entrambi i genitori è emerso che dominava l'effetto del tipo di protezione e tali cani erano sani. Per quanto riguarda come i risultati possono portare ad una maggiore conoscenza sulle malattie delle unghie simili che colpiscono gli esseri umani, i ricercatori hanno rilevato che i cani e gli esseri umani condividono un insieme di geni ortologhi simili, vivono nello stesso ambiente e sono colpiti da malattie di eziologia simili. Pertanto, "il cane è un ottimo modello per studiare le malattie genetiche" - hanno sostenuto, rilevando che - " negli esseri umani esistono vari disturbi della cheratina simili alla SLO". I ricercatori stanno conducendo ulteriori ricerche genetiche e sperano di finanziare la ricerca per individuare ulteriori fattori di rischio genetici per questa malattia delle unghie.

Paesi

Norvegia, Svezia

Articoli correlati