Skip to main content

Geoparks: Heritage, Education and Sustainable Development - an Innovative Methodology for Southern Countries. Case Study in Morocco (Atlas Mountains, Marrakech)

Article Category

Article available in the folowing languages:

Inventario del patrimonio e responsabilizzazione della comunità: la risposta alla creazione di geoparchi

Molti paesi del sud cercano di attuare strategie di sviluppo derivanti dall’etichetta di geoparchi europei dell’Unesco. Tuttavia, con una mancanza di metodologia per i geoparchi, questo si rivela un compito impegnativo da svolgere. Un progetto finanziato dall’UE mira a cambiare tutto questo.

Società

Parlando del progetto Geopark, il prof. Yves Girault, coordinatore del progetto, afferma: «A causa della mancanza di una metodologia, il nostro obiettivo era quello di studiare da una prospettiva comparativa (nord/sud) i processi di creazione del patrimonio (patrimonio naturale e culturale) in un contesto di designazione internazionale da parte dell’Unesco». Si trattava anche di mettere in discussione la nozione di «geopatrimonio» secondo il Programma di geoparchi globale. Il progetto ha anche lavorato all’analisi delle dinamiche politiche e territoriali che hanno creato queste disparità per aree geografiche. «Considerando la situazione squilibrata tra paesi in via di sviluppo e paesi sviluppati in una serie di geoparchi globali, questo progetto mirava anche a fornire un adeguato supporto ai paesi in via di sviluppo nella pianificazione e gestione dei geoparchi utilizzando i risultati di un caso di studio specifico nella valle di Zat in Marocco», aggiunge il prof. Girault. Uno sguardo più da vicino ai risultati del progetto «Il progetto ha contribuito in modo significativo ad aumentare la conoscenza del patrimonio naturale e culturale della valle di Zat», sottolinea il prof. Girault. In stretta collaborazione con esperti marocchini di scienze naturali e turismo, il progetto Geopark ha anche ideato un piano per la valorizzazione della geodiversità e ha selezionato 13 geositi sulla base di interessi scientifici, didattici e turistici. Inoltre, attraverso il caso di studio della valle di Zat, il progetto ha sviluppato una metodologia innovativa per geoparchi adattata ai paesi in via di sviluppo. Questo metodo combina l’inventario del patrimonio integrato sulla diversità geo-bio-culturale e la responsabilizzazione della comunità locale. «I nostri ecologi e biologi hanno anche adattato una metodologia basata sull’interpretazione dei paesaggi dalla prospettiva integrativa dei sistemi socio-ecologici», osserva il professore. Questa metodologia mira ad accrescere la comprensione e il miglioramento dei paesaggi in una prospettiva sistematica e interdisciplinare per l’educazione ambientale e la comunicazione scientifica. Il prof. Girault riferisce inoltre: «Un altro risultato notevole è che i risultati dell’inventario del patrimonio sono stati sfruttati attraverso la costruzione della mappatura SIG della valle di Zat. Ciò garantirà l’accessibilità e la sostenibilità dei dati per un’analisi multidisciplinare del territorio». Il progetto ha condiviso i suoi risultati creando un museo virtuale basato sul web e una mostra itinerante. Il museo virtuale consente agli utenti di scoprire patrimoni locali in una mappa interattiva arricchita che copre diversi temi. La mostra del progetto «La valle di Zat: tra conservazione e sviluppo del patrimonio» è stata consegnata a un’associazione giovanile locale. «Non si tratta solo di semplici materiali divulgativi del progetto, ma di materiali che incoraggiano e coinvolgono le società locali nel dibattito e nel ripensare il futuro cambiamento della valle di Zat», sottolinea il prof. Girault. Il progetto ha inoltre organizzato tre scuole autunno/inverno per studenti a cui hanno partecipato 18 dottorandi provenienti da 9 paesi. Uno sguardo al futuro Combinando la ricerca teorica e le ricerche sul campo nella valle di Zat, il progetto è ora in grado di proporre metodologie innovative e interdisciplinari per il co-sviluppo di geoparchi con popolazioni locali, adattate ai paesi in via di sviluppo del Sud del mondo. I risultati principali saranno raccolti in un volume collettivo che sarà redatto in francese e in inglese nel 2019. Oltre al suo contributo allo sviluppo di capacità relative ai geoparchi per i paesi in via di sviluppo, si prevede che il progetto crei ulteriori reti di ricerca e innovazione tra i talenti europei e il Sud del mondo. «A questo punto, diverse collaborazioni a lungo termine post-progetto hanno mostrato degli impatti promettenti», conferma il prof. Girault.

Parole chiave

Geopark, Valle di Zat, Unesco, patrimonio naturale e culturale, Sud del mondo, metodologia per geoparchi, geopatrimonio, Programma di geoparchi globale, Marocco

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione