Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Come sviluppare un sistema rivoluzionario basato sul 5G per le emergenze sanitarie

Un’iniziativa dell’UE ha contribuito a dimostrare un sistema automatico personalizzato 5G che diminuisce il tempo di azione e riduce al minimo gli errori in caso di emergenza.

Economia digitale

Il 5G è considerato un elemento determinante nell’economia e nella società digitali; in quanto fornirà in tempo reale la raccolta e l’analisi dei dati grazie a una connettività praticamente onnipresente, a banda ultra-larga e a bassa latenza, tutto questo in brevissimo tempo. L’infrastruttura 5G potrebbe servire a una vasta gamma di applicazioni e settori come la mobilità automatizzata, la sanità elettronica e la gestione dell’energia. Questi includono mercati verticali che contemplano un gruppo di aziende e clienti, i quali sono tutti interconnessi intorno a una nicchia specifica. Tali mercati verticali affrontano esigenze specializzate con un intervallo assortito di requisiti di collegamento in rete e di calcolo. Introdotto per offrire specifiche abilità di rete adattate alle esigenze delle aziende verticali, il progetto 5G-TRANSFORMER, finanziato dall’UE, ha contribuito a sviluppare un nuovo sistema basato sul 5G per i piani di emergenza. In un comunicato stampa dell’Università Carlos III di Madrid (Universidad Carlos III de Madrid, UC3M), il coordinatore del progetto, afferma: «La demo illustra un sistema automatico al 100% che permette di diminuire il tempo di azione e di ridurre al minimo gli errori: ciò implica una percentuale più elevata di sopravvivenza in situazioni d’emergenza. Il sistema consente un’attenzione personalizzata per ottenere i dati medici del paziente quali, ad esempio, il battito cardiaco e i valori degli esami ematici». E aggiunge: «Questi valori vengono mostrati al medico in tempo reale attraverso un visore di realtà aumentata per facilitare il flusso di decisioni quando si occupa del paziente. Ciò consente di ottenere una diagnosi personalizzata e un trattamento di emergenza completamente su misura, poiché concettualmente il sistema potrebbe persino disporre allo stesso tempo della storia clinica del paziente». Carlos J. Bernardos, professore associato alla UC3M citato nello stesso comunicato stampa, afferma: «Grazie alla sua abilità di adattarsi dinamicamente alla rete per soddisfare la latenza e i requisiti di capacità richiesti (in termini di larghezza di banda e di calcolo), la tecnologia 5G sarà in grado di avere un impatto diretto sulla società, migliorando i tempi di risposta alle emergenze sanitarie».

Soluzione personalizzata

Il progetto 5G-TRANSFORMER (5G-TRANSFORMER: 5G Mobile Transport Platform for Verticals) è terminato a novembre 2019. Il suo obiettivo consisteva nel «trasformare la rete di trasporto mobile odierna in una piattaforma di calcolo e di trasporto mobile (Mobile Transport and Computing Platform, MTP) basata su SDN (software-defined networking)/NFV (network function virtualisation)», intervenendo sulle esigenze specifiche delle aziende verticali, come osserva una scheda informativa del progetto. SDN si riferisce a un insieme di principi di collegamento in rete governati dall’obiettivo di creare una rete dinamica, flessibile e scalabile tramite la gestione e la configurazione basata su software. NVF consiste nel fornire un nuovo modo per creare, distribuire e fare funzionare i servizi di collegamento in rete. Il progetto 5G-TRANSFORMER ha concentrato l’attenzione sul concetto di newtwork slicing, che apre la strada per sfruttare il potenziale del 5G. L’idea di base dietro questo paradigma consiste nel dividere l’architettura di rete originale (il progetto di una rete di computer) in reti logiche multiple e indipendenti che sono configurate per soddisfare efficacemente i requisiti dei diversi servizi. Il sito web del progetto spiega che: «Un network slice è una rete logica completa con servizi specifici offerti ai clienti attraverso un’infrastruttura condivisa di calcolo, archiviazione e rete. Per esempio, un operatore di rete può costruire un network slice includendo una rete di accesso (Access Network, AN) e una rete core (Core Network, CN) per stabilire i servizi di comunicazione». I principali vantaggi del network slicing includono una maggiore elasticità e solidità e garantiscono funzionamenti sicuri e stabili tramite la compartimentazione della rete, ottimizzata per le esigenze dei cluster di servizi o di segmento che forniscono. Per maggiori informazioni, consultare: sito web del progetto 5G-TRANSFORMER

Paesi

Spagna

Articoli correlati