Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Una profondità di perforazione record indica un potenziale per un’Europa a zero emissioni di carbonio

I sistemi geotermici migliorati potrebbero essere proprio la soluzione che porterà l’energia geotermica dallo status di outsider a quello di serio contributore verso un’Europa a zero emissioni di carbonio. I riusciti test di perforazione nel progetto DEEPEGS rappresentano un passo importante verso un simile futuro.

Energia

L’energia geotermica è verde, infinita e disponibile praticamente ovunque. Tuttavia, il pieno sfruttamento del suo potenziale richiede nuove tecnologie in grado di sfruttare i siti con calore naturale, ma privi sia di acqua che di una permeabilità delle rocce sufficientemente elevata. È qui che entrano in gioco i sistemi geotermici migliorati (EGS, enhanced geothermal system) e, più specificamente, il progetto DEEPEGS. Nell’aprile del 2017, DEEPEGS ha fatto notizia per essere riuscito a praticare una perforazione di 4 659 metri di profondità in un campo geotermico in Islanda. L’impresa, prima nel suo genere, ha offerto una vasta gamma di opportunità di apprendimento per il settore geotermico e rappresenta ancora oggi un record mondiale. «L’altissima permeabilità del sito ad altissima temperatura di Reykjanes a una profondità di 3 km è stata una piacevole sorpresa», afferma Gudmundur Ómar Fridleifsson, coordinatore di DEEPEGS. «Nessun detrito di perforazione o fluido di raffreddamento della perforazione ha raggiunto la superficie al di sotto di una profondità di 3,2 km. Una perforazione a una profondità di 4 650 metri nei sistemi geotermici ad alta temperatura non era mai stata realizzata prima in un ambiente in cui sono state confermate temperature del serbatoio di 600 °C». La bassa permeabilità rappresenta uno degli ostacoli allo sviluppo del mercato EGS che il progetto DEEPEGS ha mirato a superare. Il team del progetto inizialmente aveva pianificato di condurre i suoi esperimenti di miglioramento della permeabilità nel sud della Francia, dove erano attese temperature superiori a 200 °C al di sotto dei 4 km di profondità. Tuttavia, le cose non sono andate esattamente secondo i piani: si sono accumulati ritardi nei tre test sul campo che il progetto prevedeva di utilizzare e «col passare del tempo ci siamo resi conto che nessuno di questi tre campi sarebbe stato autorizzato», spiega Sigurdur G. Bogason, responsabile capo del progetto DEEPEGS.

Il prossimo traguardo: conquistare i cuori dell’Europa continentale

Per procedere con il proprio lavoro, il consorzio ha dovuto sostituire i tre campi inizialmente previsti con il sito geotermico di Vendenheim in Alsazia, dove è attualmente in fase di sperimentazione un potenziamento «multi-leg» (multi-drenaggio) per una maggiore permeabilità. In caso di successo, l’impatto sull’ulteriore utilizzo di EGS in Europa potrebbe essere immediato. «I graniti caldi oltre i 200 °C sono già stati perforati, mentre il miglioramento della permeabilità è ancora in corso», sottolinea Bogason. Uno dei principali problemi affrontati dal consorzio in Francia è stato l’atteggiamento scettico delle comunità e delle autorità francesi nei confronti dell’EGS, nonostante il carattere ecocompatibile della tecnologia. È stato necessario ricorrere a enormi sforzi di comunicazione da parte dell’azienda energetica francese Fonroche Géothermie per ottenere l’autorizzazione a Vendenheim. Come sottolinea Fridleifsson, tutti i progetti prossimi alle aree urbane nell’Europa continentale avranno bisogno di un alto livello di comunicazione per coinvolgere cittadini e autorità locali. I partner del progetto prevedono che il successo del progetto in Islanda avrà un impatto sul mercato entro 10 anni. Fino ad allora, essi continueranno a diffondere i risultati positivi del progetto DEEPEGS al fine di convincere l’industria geotermica a trivellare sistemi ad altissima temperatura per aumentare la produzione di energia. «Gli insegnamenti tratti sono di grande valore e hanno già portato a scoperte tecnologiche avanzate quali involucri profondi e test di accoppiamenti flessibili, attualmente in programma, il tutto sulla base dell’esperienza acquisita in DEEPEGS», conclude Fridleifsson.

Parole chiave

DEEPEGS, geotermico, EGS, Reykjanes, Islanda, Vendenheim, Francia, perforazione, alta temperatura

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione