Skip to main content
European Commission logo print header

Rugged durable small wind turbine for powering telecom towers residential buildings in extreme weather conditions areas

Article Category

Article available in the following languages:

Nuove turbine eoliche in grado di resistere a condizioni di forte maltempo

Eventi meteorologici estremi in regioni quali i paesi nordici possono provocare guasti ai tradizionali sistemi di turbine eoliche. È necessaria una diversa tipologia di tecnologia eolica in grado di funzionare in tutte le condizioni con una manutenzione minima.

Cambiamento climatico e Ambiente icon Cambiamento climatico e Ambiente
Tecnologie industriali icon Tecnologie industriali

Condizioni meteorologiche avverse, come venti forti e instabili, possono causare la rotazione incontrollata delle turbine eoliche convenzionali di maggiori dimensioni. I conseguenti danni possono risultare catastrofici sin dal primo anno di funzionamento. L’industria ha bisogno di turbine più robuste, di minori dimensioni e resistenti progettate per condizioni di vento intenso e altitudini elevate con una manutenzione ridotta. In luoghi come quelli in cui si situano i paesi nordici è necessaria una tecnologia eolica che possa funzionare con temperature comprese tra i -10 °C e i -30 °C in svariate situazioni atmosferiche, dagli uragani alle calme e gelide serate invernali.

Alimentare luoghi inospitali in caso di maltempo

Il progetto Njord, finanziato dall’UE, ha realizzato sistemi di energia eolica su piccola scala per sistemi di sorveglianza e telecomunicazioni da installare nei paesi nordici e in zone residenziali in cui il sole splende per poche ore al giorno. Si tratta di una soluzione a zero emissioni in grado di resistere a condizioni meteorologiche estreme per lunghi periodi di tempo. Il sistema «install and forget» (letteralmente installa e dimentica) può funzionare con una manutenzione minima o nulla per un massimo di 25 anni, a seconda del luogo in cui viene installato. In particolare, l’innovazione è in grado di sopportare le condizioni meteorologiche avverse tipiche della regione artica che circonda i paesi nordici. Il gruppo responsabile di Njord ha realizzato due linee di prodotti di turbine eoliche: la prima unità è appositamente concepita per generare l’elettricità necessaria alle torri di sorveglianza e telecomunicazioni in condizioni difficili, mentre la seconda è progettata per la maggior parte delle applicazioni industriali e fornisce energia o riscaldamento ad abitazioni, cabine o persino aziende agricole. Entrambe le turbine possono essere installate ovunque in ambienti caratterizzati da condizioni complesse e in qualsiasi luogo dove altre soluzioni non sono state in grado di resistere a causa dei forti venti e delle limitate ore di sole giornaliere. Esse producono elettricità con velocità del vento molto basse e possono ruotare in modo efficace e senza emettere rumore 24 ore al giorno e 7 giorni su 7 con condizioni di vento intense. «L’obiettivo principale era migliorare le turbine eoliche per quanto concerne durabilità, vita utile, efficienza e costi associati», ha commentato Saethor Asgeirsson, coordinatore del progetto. «Il risultato più significativo è stato l’incremento di efficienza».

Soluzioni di tecnologia eolica scalabili e su piccola scala

Gli utenti di entrambe le tipologie di turbine possono installare una soluzione visivamente attraente che si configura come sicura, duratura e compatibile con il volo degli uccelli. I proprietari dei sistemi di monitoraggio e telecomunicazioni nell’Artico dispongono di opzioni rinnovabili a zero emissioni per alimentare sistemi su cui possono contare e in cui possono riporre fiducia per decenni effettuando attività di manutenzione minime. I proprietari di applicazioni residenziali collegate o meno alla rete in ambienti difficili hanno a disposizione una maggiore quantità di opzioni per quanto riguarda l’indipendenza energetica e la sostenibilità, senza doversi preoccupare di ripetuti malfunzionamenti. Il consorzio è riuscito a ottenere un’efficienza delle turbine più che raddoppiata, il che implica un parallelo raddoppiamento della potenza di uscita per le stesse dimensioni. Grazie alla produzione di massa e all’ottimizzazione dei componenti, i partner del progetto hanno inoltre dimezzato con successo i costi mantenendo al contempo la durabilità. La fase finale di collaudo è attualmente in corso e, secondo i piani, si prevede che le due turbine verranno immesse sul mercato nella prima metà del 2021. «Progettando la turbina a partire da zero e prendendo in considerazione aspetti estetici, Njord ha attirato molto interesse sia del mondo dell’industria, sia del pubblico in generale», afferma Asgeirsson, che conclude: «È chiaro che l’approccio di combinare funzionalità e progettazione ha dato i suoi frutti: rimuovendo la “bruttezza” dall’energia eolica, i potenziali clienti sono cresciuti in modo significativo».

Parole chiave

Njord, vento, turbina, condizioni meteorologiche, turbina eolica, energia, paesi nordici, energia eolica, Artico

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione