Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Alghe marine ed energia solare si uniscono in mare

Due aziende olandesi sostenute dall’UE hanno creato la prima fattoria solare e di alghe in mare aperto nel Mare del Nord, rendendo la produzione di energia solare e la coltura di alghe marine possibile nello stesso spazio.

Cambiamento climatico e Ambiente
Energia

Uno sviluppatore di sistemi energetici solari in mare aperto e un’azienda di alghe marine hanno creato la prima fattoria combinata solare e di alghe al mondo nel Mare del Nord. Le due aziende olandesi in questione, Oceans of Energy e The Seaweed Company, sono partner nel progetto UNITED, finanziato dall’UE, finalizzato alla promozione di un uso più sostenibile ed efficiente delle risorse oceaniche. La fattoria in mare aperto è stata installata nel sito di prova North Sea Farmers a 12 km dalla costa di Scheveningen, un distretto de L’Aia. Combinando la produzione di energia solare e la coltura di alghe marine nella stessa area, i partner di progetto stanno dimostrando il potenziale della coltura di alghe per alimenti negli spazi tra turbine eoliche in mare aperto.

Pannelli solari flottanti in due siti nel Mare del Nord

Nel 2019, Oceans of Energy ha installato una delle prime fattorie solari in mare aperto del mondo nel Mare del Nord, al largo della costa olandese. Secondo un articolo pubblicato sul sito web «Energy Global», il sistema in questo sito ha generato energia pulita per un anno, ha resistito al clima marino, ed è sopravvissuto a onde fino a 4 m nonché alle tempeste Ciara e Dennis nell’inverno del 2019. Il team del progetto ha poi cercato di testare i pannelli solari in condizioni più difficili. Il sistema al sito di prova attuale, che è ancora più al largo, è stato costruito per resistere a onde fino a 13 m. «Il sistema è pronto per la realizzazione di progetti combinati solari ed eolici, creando da 100 a 5 000 MW di energia solare in mare aperto per progetto. Utilizzando solo il 5 % del Mare del Nord olandese, può essere generata metà della domanda energetica dei Paesi Bassi. Quest’obiettivo può essere raggiunto utilizzando lo spazio tra turbine eoliche», si legge nell’articolo. «Dopo aver sperimentato il primo sistema solare in mare aperto nel Mare del Nord sono entusiasta di combinare la produzione di cibo con la generazione di energia pulita, due bisogni fondamentali», ha affermato il fondatore e amministratore delegato di Oceans of Energy, Allard van Hoeken, in un articolo pubblicato sul sito web «DutchNews.nl». Attualmente presente perlopiù in Asia, la coltura di alghe marine per la produzione alimentare ha il potenziale per ridurre la pressione sulle risorse ittiche dei nostri oceani. Tuttavia, non è soltanto una preziosa fonte alimentare. Può anche essere utilizzata per la produzione di cosmetici, carburante e materiali da costruzione. Secondo il sito web del progetto UNITED esiste un enorme potenziale commerciale nella produzione di alghe marine di alta qualità e combinare quest’attività con la produzione di energia eolica potrebbe ridurre i costi e aumentare l’efficienza. Il progetto UNITED (Multi-Use offshore platforms demoNstrators for boostIng cost-effecTive and Eco-friendly proDuction in sustainable marine activities) gestisce anche siti dimostrativi pilota in Belgio, Danimarca, Germania e Grecia. Oltre all’energia eolica e alla coltura di alghe in mare aperto, questi quattro siti pilota stanno testando anche l’acquacoltura delle cozze, l’acquacoltura del pesce e l’acquacoltura delle ostriche piatte. Il progetto si concluderà a giugno 2023. Per maggiori informazioni, consultare: sito web del progetto UNITED

Parole chiave

UNITED, mare aperto, energia solare, vento, alghe, Mare del Nord

Articoli correlati