Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Spronare l’adozione dei veicoli elettrici nelle città

Nonostante offrano alle città una soluzione di mobilità intelligente e verde, il consumatore resta diffidente nei confronti dei veicoli elettrici leggeri. ELVITEN ne ha monitorato l’uso e la percezione in sei città europee per fornire informazioni alle campagne di adozione.

Trasporti e Mobilità

I veicoli elettrici leggeri (EL-V, Electric Light Vehicles), come le biciclette elettriche, i tricicli, gli scooter e i quad, hanno generato interesse come soluzione di mobilità urbana intelligente, offrendo più flessibilità e molto meno inquinamento rispetto alle opzioni attuali. Quando il progetto ELVITEN sostenuto dall’UE è iniziato nel 2019, la penetrazione nel mercato dei veicoli elettrici leggeri era relativamente bassa rispetto ai veicoli convenzionali. «I potenziali utenti dei veicoli elettrici leggeri erano preoccupati per l’autonomia, il prezzo, le prestazioni e la mancanza di infrastrutture, soprattutto punti di ricarica, parcheggi e corsie dedicate», spiega Angelos Amditis, coordinatore del progetto. ELVITEN si è proposto di aumentare la consapevolezza sui benefici dei veicoli elettrici leggeri e di esplorare il modo migliore per integrarli nelle reti di trasporto e di elettricità. Circa 225 veicoli elettrici leggeri sono stati messi a disposizione dei cittadini in sei città europee: Trikala, Roma, Bari, Genova, Malaga e Berlino, attraverso prestiti a lungo o breve termine. I veicoli sono stati equipaggiati di strumenti e servizi TIC. Tra aprile 2019 e giugno 2020, è stata creata una banca dati, composta da informazioni relative a 41 275 viaggi e dai risultati di 9 820 questionari. Sulla base di questi, i partner del progetto hanno sviluppato modelli aziendali e linee guida per le autorità di pianificazione, nonché suggerimenti per migliorie sui veicoli a uso dei produttori. Attraverso attività di sensibilizzazione, come la campagna sui social media Let’s Go Electric, ELVITEN ha raggiunto una platea di cittadini e responsabili delle politiche.

Dimostrazioni e raccolta dati

I veicoli forniti a ogni città dai partner del progetto Kyburz e S3T erano un mix di tipi di veicoli elettrici. Erano disponibili gratuitamente per il noleggio sia a breve che a lungo termine, da poche ore fino a diverse settimane. Anche i proprietari di veicoli elettrici leggeri privati sono stati invitati a partecipare al test e dieci di loro hanno accettato l’offerta. In ogni città sono state installate stazioni di parcheggio e di ricarica in luoghi adatti. Tutti i 225 veicoli sono stati dotati di registratori di dati, per raccogliere e inviare dati pseudonimizzati relativi al viaggio. Gli utenti finali di ELVITEN, sia conducenti che gestori di flotte, hanno avuto accesso all’app Unifying, che conteneva una serie di strumenti TIC tra cui consigli di guida ecologica, un sistema di prenotazione, parcheggi e punti di ricarica, nonché premi fedeltà. L’applicazione web per la gestione della flotta ha fornito agli operatori informazioni sullo stato dei veicoli elettrici leggeri. «Alla fine dei test di ELVITEN, abbiamo riscontrato un cambiamento positivo nell’atteggiamento verso l’uso dei veicoli elettrici leggeri. Tra coloro che hanno usato i veicoli, la stragrande maggioranza ha dichiarato che avrebbe usato i veicoli elettrici leggeri per più di quattro giorni alla settimana. Tuttavia, nonostante la percezione positiva sulla velocità, il comfort, la sicurezza e le credenziali verdi, permanevano preoccupazioni sui costi», spiega Amditis.

Verso una più estesa mobilità elettrica urbana

Il lavoro di ELVITEN aiuta a sostenere il Green Deal europeo, in quanto offre soluzioni di mobilità urbana sostenibile per i professionisti, come i corrieri, e i cittadini. Ma i risultati del progetto suggeriscono anche l’importanza di pacchetti di incentivi per superare le preoccupazioni di costo, infrastruttura e manutenzione. Bisogna anche sviluppare un quadro normativo coerente tra le autorità. I dati del progetto, gli strumenti TIC, la modellizzazione aziendale e le linee guida possono ora essere utilizzati dai partner del progetto come Kyburz e la città di Roma, insieme alla più vasta industria automobilistica e ai servizi correlati, alle autorità locali e ai responsabili politici, per sviluppare le infrastrutture per i veicoli elettrici leggeri. «È interessante notare che i dati di viaggio raccolti durante e dopo il primo lockdown dovuto alla Covid indicano che il mercato dei veicoli elettrici leggeri probabilmente crescerà rapidamente. Essendo veicoli monoposto scoperti, questi veicoli sono oggi ancora più appetibili per le attività commerciali e il tempo libero», conclude Amditis.

Parole chiave

ELVITEN, veicoli leggeri elettrici, trasporto, città, scooter, quad, bicicletta, Green Deal, Covid, sostenibile, ricarica

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione