Skip to main content

Bringing together a neutron ecosystem for sustainable science with ESS (BrightnESS-2)

Article Category

Article available in the folowing languages:

Disintegrazione di nuclei e integrazione della scienza dei neutroni all’European Spallation Source

La fonte di neutroni più potente al mondo, realizzata in Europa e pienamente operativa nel 2027, unisce e armonizza la ricerca europea e mondiale sui neutroni.

Ricerca di base

I neutroni rilasciati attraverso il processo di spallazione, in cui particelle ad altissima energia «disintegrano» il nucleo di un atomo, diventano sonde estremamente potenti della materia. I sistemi di spallazione consentono agli scienziati di analizzare i materiali in modi altrimenti impossibili con altre tecniche e sono uno strumento essenziale per affrontare le grandi sfide dell’UE in settori quali i cambiamenti climatici, l’energia, la salute e l’informatica quantistica. Il progetto BrightnESS-2, finanziato dall’UE, ha raccolto l’eredità del progetto BrightnESS, finanziato dall’UE e incentrato sulla costruzione dell’Europeean Spallation Source (ESS), la fonte di neutroni più potente al mondo. BrightnESS-2 ha garantito la sostenibilità a lungo termine di ESS, rafforzando e consolidando al contempo il più ampio ecosistema neutronico europeo.

Rinforzare la comunità dei neutroni

Tra i numerosi risultati di BrightnESS-2 emerge la pubblicazione della «Tabella di marcia e strategia di attuazione comuni per la futura capacità neutronica». Jimmy Binderup Andersen, responsabile ad interim delle sovvenzioni presso l’ESS e coordinatore del progetto BrightnESS-2 dopo la chiusura, ne parla: «Nell’ambito del progetto BrightnESS-2, è stato naturale coinvolgere la neonata League of advanced European Neutron Sources (LENS) per discutere di una visione europea in materia di scienza dei neutroni.» Come risultato di questa collaborazione, la tabella di marcia comune del progetto ha prodotto la pubblicazione strategica LENS «Neutron Science in Europe: Strengthening World-Class Research and Innovation Delivering Economic and Societal Impact» (ovvero scienza dei neutroni in Europa: rafforzare la ricerca e l’innovazione di livello mondiale in grado di esercitare impatto economico e sociale). L’impatto di BrightnESS-2 è andato oltre gli obiettivi originari del progetto. Il catalogo di innovazione tecnica del team, che evidenzia l’innovazione presso l’ESS per area tecnica, sosterrà e motiverà altri a esplorare e sfruttare i risultati del progetto, massimizzando l’impatto potenziale. Il suo rapporto sulle ripercussioni socioeconomiche è diventato un riferimento per altre infrastrutture di ricerca creando un precedente per le organizzazioni, tra cui, ma non solo, il forum del consorzio per un’infrastruttura europea di ricerca. Infine, «grazie alla nostra esplorazione e il sostegno di un’etichetta di qualità per i neutroni per la strumentazione di scansione delle deformazioni neutroniche, abbiamo contribuito a stabilire un importante sistema di riferimento per la scienza e le misurazioni dei neutroni», aggiunge Andersen.

Ottimizzare la logistica, rafforzare la scienza europea dei neutroni

BrightnESS-2 ha anche involontariamente portato alla formazione di RI.Logistica un’organizzazione logistica specializzata nelle infrastrutture di ricerca, a seguito di una conferenza di BrightnESS-2 sulle sfide logistiche delle medesime con 230 professionisti provenienti da oltre 30 paesi. Oltre a ESS, i membri fondatori comprendono l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN), la Struttura europea per il laser a elettroni liberi a raggi X (XFEL europea) e il Reattore sperimentale termonucleare internazionale (ITER). Il CERN, l’XFEL europeo e ITER sono anche i più grandi al mondo nei rispettivi settori. L’organizzazione sosterrà le infrastrutture di ricerca nello sviluppo di competenze logistiche interne basate sulle migliori pratiche dell’industria. Che si tratti di trasportare vaccini sensibili o di spostare enormi attrezzature a livello transnazionale, queste infrastrutture miglioreranno l’efficienza delle loro operazioni logistiche, consentendogli di concentrarsi sulla scienza. «Con RI.Logistica possiamo cambiare e migliorare la logistica delle infrastrutture di ricerca in tutto il mondo», aggiunge Andersen.

Sostenere l’ESS e rafforzare la ricerca sui neutroni a livello globale

Il consorzio ha tradotto con successo la vasta esperienza e le conoscenze della più ampia comunità neutronica in rapporti, politiche, raccomandazioni, visioni e altro ancora per l’evoluzione dell’ESS. Inoltre, BrightnESS-2 ha rafforzato la rete di strutture di ricerca che utilizzano i neutroni e ha contribuito ad elevare la posizione dell’Europa nell’ambiente della ricerca globale. Andersen riassume così: «Grazie al progetto BrightnESS-2, le parti interessate europee nel campo della scienza dei neutroni si sono avvicinate.Un ecosistema neutronico emergente sta già utilizzando collaborazioni e reti per promuovere la scienza del neutrone, ora e in futuro, in modo da poter sfruttare i vantaggi di ESS e realizzarne il potenziale scientifico.»

Parole chiave

BrightnESS-2, neutrone, ESS, scienza dei neutroni, logistica, RI.Logistica, Fonte di Spallazione europea, infrastruttura di ricerca, Etichetta di qualità del neutrone

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione