Skip to main content

Representation Of Stimuli As Neural Activity

Article Category

Article available in the folowing languages:

Elettrodi a setaccio per gli studi sul sistema somatosensoriale

Gli elettrodi a setaccio sono stati sviluppati nel corso di uno studio sul sistema somatosensoriale.

Economia digitale

Il progetto ROSANA ha studiato le questioni fondamentali derivate dalla stimolazione artificiale del sistema somatosensoriale, che trasmette il senso del tatto, della temperatura, del dolore e del movimento delle articolazioni. Queste informazioni sono state usate nello sviluppo di protesi tattili. Gli scienziati hanno studiato il rapporto tra stimolazioni alla pelle e attività elettrica dei nervi sensoriali. Hanno anche studiato la normale attività dei neuroni di elaborazione e il modo in cui i segnali elettrici in arrivo e i neuroni di elaborazione interagiscono. Ciò ha consentito ai ricercatori di produrre modelli di stimolazione artificiale per provocare attività neuronale nel sistema somatosensoriale. Questo lavoro necessitava di un elettrodo a setaccio adatto per studiare il comportamento animale. Pertanto, i ricercatori hanno sviluppato un elettrodo a setaccio a base di poliammide flessibile, bidirezionale da 27 a 54 canali e rigenerativo da impiantare. Il materiale usato per elaborare l'elettrodo a setaccio è conforme allo standard internazionale ISO 10993 per la valutazione della biocompatibilità dei dispositivi medici prima degli studi clinici. Il materiale per l'elettrodo a setaccio include diversi tipi di adattatori e connettori. I risultati iniziali hanno indicato che l'elettrodo a setaccio era in grado di ricevere segnali fisiologici da un modello animale. Il vantaggio principale dell'uso di un elettrodo a setaccio per i segnali registrati era l'elevato livello di selettività. L'elettrodo a setaccio ha anche dimostrato la modifica dell'anatomia del nervo a seguito della rigenerazione dei neuroni.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione

Progressi scientifici
Economia digitale
Salute

3 Dicembre 2021