CORDIS - Risultati della ricerca dell’UE
CORDIS

Prospective Analysis for the Mediterranean Region

Article Category

Article available in the following languages:

Le politiche dell'UE vanno oltre la Primavera araba

Gli Stati arabi intorno al Mediterraneo sono costantemente coinvolti in tumulti che spesso vanificano gli accordi siglati dall'UE causando numerosi problemi. Per gestire tale situazione, è necessario adottare una nuova visione.

Cambiamento climatico e Ambiente icon Cambiamento climatico e Ambiente

Contrariamente alle speranze di molti, la Primavera araba non ha portato con sé una nuova era di pace e armonia. Problemi economici diffusi, limitazione delle libertà, esacerbazione delle ostilità e differenze sul piano ideologico continuano a provocare danni devastanti nei regimi dittatoriali rovesciati. Questa situazione crea una condizione di caos generalizzato nella regione del Mediterraneo orientale e meridionale. Allo stesso tempo, le politiche dell'UE incentrate su tali aspetti non si sono rivelate all'altezza di promuovere un futuro sostenibile, evocando il tal modo lo spettro di un fallimento dello spazio Euro-Mediterraneo. Il progetto MEDPRO ("Prospective analysis for the Mediterranean region"), finanziato dall'UE, ha tentato di comprendere questi limiti e di preparare il terreno per la creazione di un'unione comune all'interno dello spazio Euro-Mediterraneo. Facendo leva sulla necessità di adottare misure immediate tese alla costruzione di un futuro più sostenibile per la regione, il progetto ha riunito 17 istituti chiave provenienti da vari punti della regione per lo studio dei problemi attuali. Le principali difficoltà riguardavano la disoccupazione, il tenore di vita precario, la disuguaglianza, la discriminazione e i problemi ambientali. La gestione di questi aspetti da una prospettiva europea richiederà sicuramente una volontà politica, una buona governance, la promozione dell'inclusione sociale e una conoscenza approfondita della regione. In tale scenario, l'iniziativa MEDPRO ha analizzato varie situazioni che potrebbero verificarsi entro il 2030 allo scopo di sostenere le politiche tese allo sviluppo economico e sociale. Nello specifico, gli esperti si sono prefissati l'obiettivo di incoraggiare le riforme e le attuali opzioni politiche, rivolgendo un'attenzione particolare ad aspetti quali geopolitica e governance, democrazia, salute e invecchiamento della popolazione, energia e mitigazione del cambiamento climatico. Il progetto ha inoltre analizzato scenari di integrazione e di cooperazione regionale con l'UE che vanno al di là della liberalizzazione del commercio, al fine di promuovere un cambiamento effettivo nella regione. L'iniziativa MEDPRO ha prodotto una lunga serie di relazioni, documenti politici, raccomandazioni e commenti sui vari argomenti, che sosterranno il lavoro dei decisori e lo sviluppo degli orientamenti politici. Le risorse, disponibili sul sito web del progetto, possono essere liberamente scaricate. Allo stesso tempo, i lavori hanno rafforzato i collegamenti sul piano della ricerca nel Mediterraneo e potenziato le conoscenze sullo sviluppo politico e socioeconomico. I risultati del progetto andranno a beneficio non solo dei politici, ma anche degli attori del mondo accademico, gli studenti, i giovani ricercatori e il pubblico su entrambe le sponde del Mediterraneo. Le raccomandazioni, gli scambi e la creazione di una visione comune promuoveranno la stabilità nella regione e ridefiniranno il rapporto tra UE e Mediterraneo allo scopo di potenziare la sostenibilità di tutti i paesi coinvolti.

Parole chiave

Primavera araba, Mediterraneo, tumulto regionale, governance, inclusione sociale, geopolitica, democrazia, integrazione regionale, liberalizzazione del commercio, sviluppo socioeconomico

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione