Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Un’infrastruttura per le zanzare geneticamente modificate

Le zanzare sono portatrici (vettori) di numerose malattie infettive, compresa la malaria, la dengue e la febbre gialla, che rappresentano tutte delle minacce gravi per la salute pubblica. Un vasto consorzio supportato dall’UE ha sfruttato la manipolazione genetica dei vettori zanzara per tenere sotto controllo la diffusione di malattie infettive.

Salute

Con il cambiamento climatico e l’aumento del commercio internazionale e del turismo, la minaccia di malattie trasmesse dalle zanzare dilata le sue dimensioni. I metodi di controllo tradizionali basati sull’impiego di insetticidi hanno difficoltà a rispondere adeguatamente a tale problematica. La capacità di prendere a bersaglio specifici geni di zanzare essenziali e di introdurre geni da una specie in un’altra, utilizzando la tecnologia transgenica, consentirà di controllare la diffusione a livello genetico. Il progetto INFRAVEC (Research capacity for the implementation of genetic control of mosquitoes), finanziato dall’UE, ha integrato competenze nel campo della genetica della zanzara con infrastrutture uniche di allevamento e rilascio controllato delle zanzare. Il consorzio, formato da 31 laboratori accademici e industriali, ha offerto anche a ricercatori di ogni parte d’Europa l’accesso a questi impianti d’avanguardia. La struttura multicentro ha creato e reso disponibile una struttura completa di deposito di zanzare, sia per quanto riguarda le zanzare geneticamente modificate (GM) che le zanzare derivate dal campo. INFRAVEC ha sviluppato un database contenente informazioni genetiche e biologiche di ogni linea; ha garantito che fossero utilizzati gli standard convenuti in tutti i diversi laboratori. Ha anche consentito l’accesso di utenti esterni a una raccolta unica di linee di zanzare, su richiesta, attraverso il sito web INFRAVEC. Inoltre, il consorzio ha sostenuto lo sviluppo di una tecnologia ad alta intensità di elaborazione per l’ordinamento automatica di grandi quantità di zanzare. Ha costruito uno strumento in grado di separare giornalmente centinaia di migliaia di larve di zanzare, in base all’espressione di marcatori fluorescenti in tessuti e organi. La tecnologia si è dimostrata estremamente utile per aumentare enormemente la produzione in allevamento di massa e flusso prodotto da screening genetici. I due vettori zanzara forniti in questa infrastruttura di ricerca sono stati Anopheles gambiae, ossia il principale vettore di malaria, e Aedes albopictus, un vettore che trasmette malattie virali che continuano a diffondersi. Le risorse per la ricerca genetica relativa all’Ae. albopictus, in precedenza limitate, nel progetto hanno assistito a un incremento. I ricercatori hanno anche confrontato la struttura della popolazione di Ae. albopictus nel suo habitat originario con popolazioni che hanno recentemente colonizzato l’Europa, al fine di identificare variazioni genetiche che potrebbero essere associate alla diffusione di nuove popolazioni. Lo scopo ultimo del progetto consisteva nel rilascio controllato di zanzare GM. A tal fine, è stata predisposta una struttura a rilascio controllato che ha consentito ai ricercatori di studiare la vitalità, la competitività e la sicurezza delle zanzare GM. Le malattie trasmesse da zanzare sono in aumento e si diffondono su tutto il pianeta, favorite dal cambiamento climatico e dall’aumento dei commerci e del turismo. INFRAVEC è riuscito a riunire esperti in biologia della zanzara, genetica, epidemiologia, ingegneria, con lo scopo di dare impulso alla ricerca volta a contrastare la diffusione di zanzare che trasmettono malattie, le quali pongono una grave minaccia alla salute pubblica.

Parole chiave

Geneticamente modificato, zanzare, malattie infettive, tecnologia transgenica, controllo genetico

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione