Skip to main content

Scheduling, routing, and transport challenges in multi-hop wireless networks

Article Category

Article available in the folowing languages:

Saltare da una rete Wi-Fi all'altra

I ricercatori europei hanno sviluppato un nuovo programma di trasporto per le reti wireless multi-hop (MWN). Importanti applicazioni verranno utilizzate in aree quali i servizi di emergenza e i sistemi di sicurezza pubblica.

Economia digitale

Le MWN sono reti i cui percorsi end-to-end sono costituiti da vari "hop" (letteralmente "salti") wireless consecutivi. Questa architettura innovativa rende possibile la creazione di numerose applicazioni nell'ambito delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) potenziando, nel contempo, le prestazioni dei servizi esistenti. Tuttavia, ai fini di un corretto funzionamento di questi nuovi strumenti, si rivelano necessari metodi altrettanto innovativi. Questo bisogno rappresentava il fulcro attorno a cui ruotava il progetto EFFICIENTMULTIHOP ("Scheduling, routing, and transport challenges in multi-hop wireless networks"), finanziato dall'UE. L'obiettivo principale dei ricercatori, che consisteva nel gestire gli ostacoli in termini di architetture e di progettazione delle reti wireless multi-hop, era accompagnato dalla necessità di attuare e di valutare le prestazioni dei programmi di trasporto relativi al controllo della congestione e all'allocazione di banda. Grazie all'utilizzo di teorie formali e di simulazioni informatiche, i ricercatori sono riusciti a ottenere prestazioni molto vicine a un livello ottimale dall'attuale link scheduler standard. L'iniziativa EFFICIENTMULTIHOP ha inoltre condotto alla progettazione e all'attuazione di un nuovo programma di trasporto dotato di funzioni estremamente interessanti. Il sistema offre numerosi vantaggi, tra cui il fatto che non sono richieste modifiche al protocollo di controllo di trasmissione, al protocollo Internet o al protocollo di controllo di accesso al mezzo. Inoltre, nonostante la sua semplicità, la nuova tecnica rientra in media nel 10 % dell'allocazione ottimale secondo il criterio del max-min. Nell'ambito del progetto, attualmente concluso, i ricercatori hanno concepito un metodo in grado di prevedere il livello corrente di connettività di rete e di consentire ai nodi di selezionare il giusto protocollo di instradamento da utilizzare di volta in volta, migliorando in tal modo le prestazioni e la solidità di questo tipo di reti. Gli esperti hanno inoltre consentito alle reti wireless multi-hop di raggiungere i livelli prestazionali richiesti e necessari ai fini dell'esecuzione di numerosi servizi pratici su queste infrastrutture, tra cui un'ampia gamma di veicoli, applicazioni militari e ambientali e piani di ripristino in caso di disastro.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione