Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Pareri del CES in materia di politica energetica e di cambiamento climatico

In occasione della riunione plenaria del 29 e 30 ottobre 1997 il Comitato economico e sociale (CES) ha adottato dei pareri in merito alla comunicazione della Commissione sulla politica energetica della Comunità, la dimensione energetica del cambiamento climatico e la posizione...

In occasione della riunione plenaria del 29 e 30 ottobre 1997 il Comitato economico e sociale (CES) ha adottato dei pareri in merito alla comunicazione della Commissione sulla politica energetica della Comunità, la dimensione energetica del cambiamento climatico e la posizione della Comunità sul tema del cambiamento climatico, in vista della prossima conferenza di Kyoto. Il Comitato ha apprezzato la comunicazione della Commissione che riflette la situazione della politica energetica comunitaria, volta a migliorare la trasparenza delle azioni intraprese nel settore. Sono tuttavia state espresse alcune riserve. Il Comitato ha espresso l'opinione che occorra, a livello dell'Unione, una politica energetica coerente e coordinata, sulla base di politiche energetiche nazionali coordinate. Il CES ha espresso il suo appoggio alla comunicazione della Commissione che definisce la posizione negoziale della Comunità in vista della conferenza che si terrà prossimamente a Kyoto sul tema del cambiamento climatico. Il Comitato ha apprezzato in particolare la dimostrazione, nella comunicazione, del fatto che uno sviluppo compatibile con le priorità ecologiche risulta realista e fattibile. Sotto il profilo politico il CES ha però evidenziato nella posizione un punto debole, in quanto non prevede un impegno unilaterale da parte dell'Unione europea. Circa la comunicazione della Commissione sulla dimensione energetica del cambiamento climatico, il CES nota inoltre che la politica climatica ha una dimensione globale ed esprime la convinzione che l'UE debba continuare a negoziare con gli Stati Uniti ed il Giappone prima della conferenza di Kyoto, per ottimizzare le possibilità di ottenere un risultato positivo.

Articoli correlati