Skip to main content

Binding-activated fluorescent DNA/peptide chimeric probes for cancer imaging

Article Category

Article available in the folowing languages:

Sonde chimeriche per acquisire immagini del cancro

L’acquisizione di immagini del cancro rappresenta uno strumento importante nella ricerca e nella diagnostica del cancro. Le moderne forme per acquisire le immagini di cancro sono un ausilio per la chirurgia e la radioterapia; inoltre sono utili a identificare i pazienti che non rispondono al trattamento.

Ricerca di base
Salute

Il progetto CHIMERA (Binding-activated fluorescent DNA/peptide chimeric probes for cancer imaging), finanziato dall’UE, si proponeva essenzialmente di sviluppare e ottimizzare strumenti di acquisizione di immagini in modo da rilevare i tumori, attraverso uno scambio multidisciplinare di conoscenze tecniche e competenze. L’obiettivo delle ricerche di CHIMERA puntava allo sviluppo di sonde chimeriche DNA/peptide ispirate alla natura, per acquisire immagini oncologiche. I partner hanno disegnato, progettato e ottimizzato specifiche nanoparticelle biomolecolari soggette a variazioni di conformazione indotte da legami al momento della formazione del legame bersaglio, le quali segnalano la presenza del marcatore tumorale. L’obiettivo del progetto inerente l’istruzione prevedeva un impegno collaborativo con la formazione degli scienziati partecipanti su aspetti cruciali di biosensori a DNA e nanotecnologie, nonché acquisizioni di immagini di cancro in vitro e in vivo. Per sviluppare i nanoswitch chimerici DNA/peptide è stata necessaria la confluenza di un’esperienza tecnica specifica e uno scambio di conoscenze, accanto alla formazione dei ricercatori ospiti da parte di ricercatori esperti. La formazione ha toccato ogni aspetto della sintesi di sonda chimerica DNA/peptide per l’acquisizione di immagini di cancro. Al termine, questo progetto ha favorito una produttiva collaborazione a lungo termine tra i team di ricerca internazionali. Nei 36 mesi del progetto, 15 ricercatori partecipanti hanno conseguito una complessa formazione in diverse tecniche importanti, tra cui l’analisi spettroscopica e immaginografica, le tecniche correlate alla visualizzazioni di fagi (in vitro, ex vivo e in vivo) e la formazione riguardante un software di predizione di DNA come m-fold. I ricercatori ospiti hanno realizzato risultati scientifici importanti e non è assolutamente da sottovalutare il loro concorso al progetto. L’alta qualità dei risultati si evince dalle pubblicazioni su giornali a valutazione paritaria molto influenti e dalle presentazioni in varie conferenze internazionali.

Parole chiave

Acquisizione di immagini del cancro, CHIMERA, sonde chimeriche DNA/peptide, nanoparticelle, biosensori a DNA

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione